Post match Juve-Lecce, Liverani: “Faremo i punti negli scontri diretti“

0
159

Al termine della sfida di Torino tra Juventus e Lecce ha parlato il tecnico dei Salentini Fabio Liverani: “La partita fino all’espulsione è stato equilibrata e ordinata. Cercavamo di chiudere gli spazi e ripartire. Abbiamo delle grandi emergenze. In attacco, oggi, eravamo solo con Falco e Shakhov. L’espulsione ci ha creato dei grossi problemi, fino all’espulsione stavamo facendo bene con buone trame. Credo che saremmo anche potuti andare in vantaggio. L’espulsione, le assenze e gli errori hanno dato una grossa mano alla Juve”.

“Le statistiche contano poco. Io posso perdere anche tre partite quattro a zero e vincerne tre uno a zero. Sui gol subiti, non dico nulla. La squadra deve continuare a crescere e recuperare giocatori. Oggi abbiamo messo 20 min a casa Barak. In questo momento giochiamo le partite pensando alla prossima, guardando chi recuperare e chi far riposare. Questa è un grande problema. Siamo questi e così dobbiamo andare avanti. Se riuscissimo a trovare dei punti negli scontri diretti, potrebbe anche ritrovare quel pizzico di entusiasmo che avevamo prima del lockdown e che abbiamo totalmente smarrito”

“Siamo una squadra che ha bisogno di allenarsi, di avere uno spartito. Stare fermi per tre mesi, ci ha fatto tornare indietro. Se ci metti anche le assenze, è presto fatto. Chi ha giocato fino all’espulsione, ha fatto bene e da lì dobbiamo ricominciare”

“Allenarsi è quasi impossibile. Quindi ci si allena giocando. Barak non giocava da mesi, l’ho messo 20 min per farlo riprendere. Saponara ha fatto 80 min contro il Milan. Falco sta un po’ meglio. Mancano però Majer, Farias e tanti altri. Ho tolto Petriccione perché tanto Tachtsidis, ammonito, non ci sarà con la Samp. Come detto, non posso non pensare alla prossima partita. In 10 contro 11, era inevitabile dover aggiungere un difensore per un centrocampista. Dovevo dare minutaggio anche agli altri. Se avessi avuto tutti i giocatori, forse, avrei fatto altre scelte”

“Questa è la squadra che io ho scelto. Però ora ne ho solo 13 o 14. L’atteggiamento dei ragazzi lo conosco e sapevo che avrebbero fatto quel primo tempo. Se riprendiamo l’entusiasmo e recuperiamo qualche giocatore, con un pizzico di fortuna, faremo i punti negli scontri diretti”.

Speedy Shop Roma

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here