Lecce, ancora quattro sberle: i giallorossi resistono solo un tempo alla Juventus

0
158

 Ancora un passivo pesante per il Lecce di Liverani; i giallorossi  subiscono  un poker anche da una Juve non in gran forma. Il Lecce tiene bene per mezz’ora poi arriva il solito errore individuale, la solita amnesia che costa cara: la svolta del match è causata dal rosso a Lucioni, autore di un  pasticcio clamoroso al 30esimo che ha lasciato i giallorossi in inferiorità numerica. A parte gli episodi,alla fine dei conti, hil Lecce subisce la quarta imbarcata consecutiva. Non è un caso. Liverani per la sfida di Torino resta senza Dell’Orco, Deiola Farias e Majer. A loro si aggiunge anche Lapadula, infortunatosi alla caviglia mercoledì scorso e, novità dell’ultimo minuto, anche Babacar per un problema che lo costringe a sedere in panchina. L’allenatore  recupera Donati, che ha scontato il turno di squalifica e Barak che, però, non viene schierato nell’undici di partenza, così come Rossettini.Le numerose assenze costringono  Liverani a schierare i suoi con un 3-5-1-1 : esordio dal primo minuto per Paz e Vera. In confronto quella di Sarri, che pure dietro ha gli uomini contati, è abbondanza, con Matuidi e Cuadrado abbassati in difesa e Ronaldo punta.In avvio è un buon Lecce. Tanto che al 5’ Rispoli si presenta solo davanti a Szczesny, sparando alto su assist di Shakhov. Ancora giallorossi al quarto d’ora, quando nuovamente l’ucraino appoggia per Mancosu il cui destro smorzato è bloccato dall’estremo polacco. Al 31′ l’episodio che mette in salita la gara del Lecce: quasi senza pressione, Lucioni stecca lo stop  ed è costretto a fare fallo su BentancurRosso diretto per il centrale giallorosso e Lecce in dieci uomini. Il primo tempo si chiude a reti bianche.Nella ripresa la Juve parte forte: Al 52’  Shakhov (il cui appoggio è  sbagliato) serve involontariamente  un assist per Ronaldo che a sua volta serve Dybalamancino ad incrociare imparabile. Al 61′ raddoppio: Rossettini atterraRonaldo in area di rigore. Dal dischetto il portoghese spiazza Gabriel e raddoppia. Gara a quel punto in discesa per i bianconeri, che impegnano Gabriel prima con il tiro da fuori di DeLigt e poi con il colpo di testa di Ronaldo. All’83’ la Juventus cala il tris: tacco di Ronaldo per l’accorrente Higuain e tiro mancino sotto la traversa. Nel finale arriva anche il poker di DeLigt. Il Lecce alla fine è molle e subisce la Juve: finisce 4-0.

Nel prossimo turno il Lecce ospiterà la Sampdoriamercoledì 1° luglio alle 21.45.

Juventus-Lecce 4-0

JUVENTUS (4-3-3): Szczesny – Cuadrado, De Ligt, Bonucci, Matuidi – Bentancur (68′ Ramsey), Pjanic, Rabiot (52′ Douglas Costa) – Bernardeschi (77′ Muratore), Dybala (77′ Higuain), C. Ronaldo. A disp.Pinsoglio, Buffon, Rugani, Olivieri, Wesley. All. Maurizio Sarri.

LECCE (5-3-1-1): Gabriel – Rispoli, Donati, Lucioni, Paz, Vera (78′ Calderoni) – Petriccione (46′ Rossettini), Tachtsidis, Mancosu (72′ Barak) – Falco (63′ Babacar) – Shakhov. A disp. Vigorito, Chironi, Radicchio, Monterisi, Meccariello, Saponara, Colella, Maselli, Rimoli. All. Fabio Liverani.

ARBITRO: Marco Piccinini di Forlì (Bindoni-Del Giovane; IV Ghersini; VAR Valeri-Schenone).

MARCATORI : 53′ Dybala, 62′ C. Ronaldo rig., 83′ Higuain, 85′ De Ligt

Ammoniti: Bentancur (J). Espulsi: 31′ Lucioni (L) per aver interrotto una chiara occasione da gol. Recupero: 2′ pt, 0′ st.

Speedy Shop Roma

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here