Pino de Luca presenta Per Canti e Cantine a Martano (Le)

0
427

“Per canti e cantine. Note di un viaggio enofonico in Salento” di Pino De Luca racchiude alcuni scritti, rivisitati ed arricchiti, pubblicati fra il 2011 e il 2012 nella rubrica del venerdì del «Nuovo Quotidiano di Puglia». Un percorso fra le province di Brindisi, Lecce e Taranto, attraverso campagne e paesi piccoli e grandi, un pellegrinaggio per una quarantina di cantine, visitate spesso senza dichiararne la ragione, arricchito da canzoni vecchie e nuove alcune delle quali sembrano scritte apposta per un vino.

Talvolta, ricette straordinarie contano pochi, semplici ingredienti. Prendete un viaggio lento in quell’estremo lembo d’Italia che, nonostante le superstrade incompiute e altre ferite, sa ancora regalare squarci di pura bellezza. Aggiungete l’attenzione alla terra – rossa e feconda o calcarea e sitibonda, battuta da un vento odoroso – in cui gli alberelli affondano intrepidi le proprie radici. Mescolate piano, usando il dovuto rispetto alla fatica e alla sapienza dell’uomo, dosando la cura di una tradizione millenaria e la simpatia per il coraggio dell’innovazione. Guarnite con le note di una canzone, popolare o colta, malinconica o giocosa, notissima o dimenticata; perché dalla notte dei tempi il canto, la musica e la danza sposano il vino in ogni festa degna di questo nome. Infine gustate: si raccomandano animo scevro da pregiudizi, sensi tesi a cogliere ogni sfumatura, aggettivazione esuberante e mente capace in egual misura di analisi e d’abbandono. Il risultato è questo consapevole e appassionato atto d’amore per la vite e per la vita, ché “viviamo tempi tristi e amari, sarebbe un crimine non provare ad attenuarne il peso”.

Pino De Luca ha 56 anni, una moglie, due figlie e un cane. Docente di informatica all’Istituto “Enrico Fermi” di Lecce, nella sua vita precedente ha pubblicato “Regole e Diritti per essere cittadini” (Sapere 2000), un libello sulle storie di Baldasar Castiglione e una triade di testi elettronici di informatica e telecomunicazioni. Di allora conserva un fardello di ricordi e il motto “Nec spe nec metu”. Dopo una vita trascorsa tra scienza e peccato, è approdato all’E(t)nogastronomia, nella quale si cimenta con la medesima pignoleria con la quale ha affrontato cose molto più serie e più tristi. Da anni cura per il “Nuovo Quotidiano di Puglia” una rubrica settimanale che narra di cibo e vino; scrive per VinoWay, Affari Italiani e per chi lo richieda. Cultore del CopyLeft, collabora con chiunque si occupi con scienza e coscienza di buona tavola e buon bere.

L’appuntamento apre “Sentieri a Sud”, una rassegna di incontri, musica e letteratura al chiaro di luna, che si chiuderà il 3 agosto con il concerto di Ninfa Giannuzzi e Valerio Daniele e il loro Aspro, progetto discografico prodotto da Kurumuny e promosso con il sostegno di Puglia Sounds.

Kurumuny si trova nelle campagne di Martano (nei pressi dell’uscita per Castrignano de’ Greci).

Speedy Shop Roma

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here