Controlli sul lavoro: in nero un lavoratore su quattro. Movida, sospese tre attività

0
428

Controlli sul lavoro: in nero un lavoratore su quattro. Movida, sospese tre attività

Con l’avvio delle attività dell’Ispettorato Nazionale del Lavoro dal 1° gennaio 2017, l’Ispettorato territoriale del lavoro di Lecce, subentrato alla soppressa Direzione territoriale del lavoro, ha disposto controlli capillari per garantire la tutela dei lavoratori e della relativa sicurezza, nonché il corretto esercizio dell’attività d’impresa, anche nell’ottica di un lecita concorrenza.
Nel corso delle ultime settimane, gli ispettori del lavoro civili e i militari del Nucleo dei carabinieri in servizio presso l’Ispettorato, hanno eseguito 89 ispezioni riguardanti altrettante aziende ubicate nel territorio provinciale, operanti per lo più nel settore dell’industria e della ristorazione, ma anche in quello del commercio e dei servizi. Su un totale di 141 lavoratori identificati, hanno accertato 33 posizioni lavorative completamente “in nero”: quasi un lavoratore su quattro della forza lavoro occupata dalle aziende controllate.

In particolare è stato disposto un servizio di vigilanza nella zona industriale di un comune del nord Salento che ha visto contestualmente impegnate sul campo 32 unità ispettive, suddivise in più gruppi operativi d’intervento, che – nel corso di un’intera mattinata – hanno passato al setaccio 9 aziende operanti prevalentemente nei settori della metalmeccanica, del vetro e del legno. Sono stati scoperti 7 lavoratori in nero, mentre un’azienda artigiana, operante nel settore del legno, è risultata completamente sconosciuta alla Pubblica Amministrazione. Nell’immediato sono stati adottati tutti i provvedimenti amministrativi del caso, compresa la sospensione dell’attività imprenditoriale, nonché le misure a tutela dell’integrità fisica dei lavoratori occupati “in nero”.

In un comune del sud Salento, invece, all’esito di indagini delegate dall’Autorità Giudiziaria, sono stati denunciati a piede libero alla locale Procura una imprenditrice agricola e il suo consorte i quali, in concorso fra loro, avevano occupato alle proprie dipendenze due lavoratori di nazionalità bengalese, sprovvisti di valido permesso di soggiorno, retribuendoli, peraltro, con una paga di appena 15 euro al giorno.

Nell’ultimo weekend, inoltre, l’Ispettorato del lavoro ha operato un controllo capillare nei locali della movida leccese. Nell’occasione sono stati scovati ben 6 lavoratori in nero, per i quali i datori di lavoro avevano omesso di comunicarne l’assunzione agli organi competenti. Anche in questa circostanza sono stati adottati i provvedimenti del caso, tra cui la sospensione dell’attività di tre noti locali pubblici, nonché le prescritte sanzioni in materia di sicurezza sui luoghi di lavoro.

In tutto sono 12 i provvedimenti di sospensione dell’attività imprenditoriale adottati dall’inizio dell’anno, per il superamento della soglia del 20% di lavoratori in nero rispetto a quelli regolarmente occupati e per le conseguenti violazioni in materia prevenzionistica. Continua, infine, l’attività di controllo e monitoraggio delle imprese operanti nel settore dei servizi funebri. In particolare, nel corso di un servizio sono stati scoperti 6 lavoratori in nero su un totale di 10 impiegati.  

Speedy Shop Roma

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here