Controlli in 6 B&b a Torre San Giovanni, ben 4 sono abusivi. Multe per 45mila euro

0
422

Controlli in 6 B&b a Torre San Giovanni, ben 4 sono abusivi. Multe per 45mila euro

B&b abusivi o irregolari: è questa quanto scoperto dalle Fiamme Gialle della Compagnia di Gallipoli e della Tenenza di Casarano, su coordinamento del Comando provinciale di Lecce, nell’ambito di controlli volti al contrasto dell’abusivismo ricettivo e del sommerso, nell’area di propria competenza.

Verifiche in sei attività adibite a “bed and breakfast” a Torre San Giovanni (Ugento): quattro sono risultate completamente abusive, mentre una quinta struttura presentava irregolarità sostanziali alla normativa regionale che ne disciplina la materia.

Le strutture abusive non avevano la prevista segnalazione certificata di “inizio attività”: per loro sanzione amministrativa tra i 5mila e i 10mila euro oltre all’immediata chiusura dell’attività da parte del Comune competente; il quinto “B&B” ispezionato è risultato inadempiente a fronte dell’utilizzazione di stanze e posti letto superiore ai limiti previsti dalla normativa regionale, violazione per la quale è prevista una sanzione amministrativa da 500 a 1.000 euro per ogni posto letto in eccesso nonché la sospensione dell’attività per 12 mesi, alla terza segnalazione della specie, da parte del Comune competente.

I finanzieri hanno individuato le strutture “fantasma” grazie all’incrocio dei dati relativi alle offerte proposte in rete, associandone i rispettivi elementi, con le informazioni reperite sul territorio supportate dalle interrogazioni alle banche dati in uso al Corpo. Ai gestori delle strutture abusive sono state contestate  sanzioni amministrative per circa 45 mila euro. Gli stessi, inoltre, sono stati denunciati alla Procura della Repubblica di Lecce ai sensi dell’art. 109 del T.U.L.P.S., per non aver comunicato le generalità degli ospiti alle autorità di Pubblica sicurezza, impedendo, in un periodo di massima allerta terroristica, il monitoraggio delle persone, soprattutto straniere, soggiornanti nelle strutture.

L’attività svolta ha impegnato diverse pattuglie di finanzieri ed è stata calibrata a contrastare l’esercizio abusivo ed irregolare di strutture ricettive, le quali oltre a generare fenomeni di degrado, evasione fiscale e contributiva, contemporaneamente, danneggiano gravemente gli operatori regolari che, rispettosi della normativa nazionale e regionale disciplinante l’attività delle strutture extra-alberghiere, subiscono la concorrenza sleale di quelle improvvisate o fuori legge.

Speedy Shop Roma

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here