PRIMA GIORNATA NAZIONALE DEL FOLKLORE E DELLE TRADIZIONI POPOLARI: OGGI LA PROVINCIA DI LECCE CELEBRA L’EVENTO

0
161

Oggi, sabato 26 ottobre, la Provincia di Lecce celebra la sua prima Giornata nazionale del folklore e delle tradizioni popolari, indetta dal presidente del Consiglio dei ministri, con un convegno – dibattito sul tema.

L’appuntamento è alle ore 10, nell’ex Chiesa di San Francesco della Scarpa, in piazzetta Carducci, a Lecce.

“Sarà un primo incontro dedicato agli “operatori del settore” e alle istituzioni, un primo momento di confronto e di dibattito pubblico animato dall’obiettivo di costruire insieme nuovi percorsi virtuosi di crescita culturale ed economica del Salento, attraverso la riscoperta delle sue tradizioni ed eccellenze. Non solo. Puntiamo ad individuare soluzioni per il rilancio competitivo della Provincia, valorizzandone i segmenti strategici, le vocazioni e i valori identitari. Il patrimonio che viene dalla nostra storia, dal nostro passato, dalle nostre radici, può diventare strumento di crescita della nostra realtà territoriale grazie al supporto e al coordinamento offerto dalle istituzioni e, in particolar modo, dalla Provincia di Lecce”, spiega Stefano Minerva, presidente della Provincia di Lecce, che introdurrà l’incontro di domani.

Il programma prevede, quindi, gli interventi di Dina Manti, consigliera provinciale con delega alle Politiche culturali, turistiche e del territorio, Loredana Capone, assessore regionale all’Industria turistica e culturale, Massimo Manera, presidente della Fondazione “La Notte della Taranta”, Graziano Cennamo, presidente di PugliArmonica. Modererà Mattia Chetta, giovane blogger salentino.

Ampio spazio sarà dato al dibattito con i sindaci, gli amministratori locali e i rappresentanti del mondo culturale salentino e di tutte quelle realtà che operano nel settore, invitati a partecipare a questo importante momento di dialogo e confronto diretto, portando il proprio contributo di idee ed esperienze.

“Quando perdiamo il contatto con il nostro passato, con le nostre radici, quando perdiamo l’orgoglio della nostra storia e della nostra cultura, perdiamo il diritto a essere noi stessi. Perché in un mondo globalizzato in cui tutto si assomiglia solo chi conserva forte la propria identità può muoversi senza farsi schiacciare. Per questa ragione non mi stancherò mai di ripetere che è fondamentale prendere consapevolezza di ciò che siamo e da dove veniamo. Per questa ragione dalle tradizioni popolari ai dialetti, fino alle corti, alle piazzette, alla case di calce su cui il sole si riflette colorandole di un bianco che solo il Sud conosce, ciascuno di noi deve avvertire la responsabilità dell’immenso patrimonio ereditato. Che merita di essere raccontato e valorizzato, anche in un’ottica di rilancio economico dei nostri territori. Perché se i ricordi si impastano con i sogni di domani e i bisogni più moderni, allora sì che avremo l’opportunità non soltanto di essere noi stessi ma anche di distinguerci dagli altri. Di regalare a chi ci guarda incuriosito un’emozione, un’esperienza, che non è solo il frutto degli uomini e le donne di oggi ma di intere generazioni”, dichiara Loredana Capone, assessore all’Industria turistica e culturale della Regione Puglia.

Dina Manti, consigliera provinciale con delega alle Politiche culturali, turistiche e del territorio evidenzia: “La nostra Provincia è la culla che accoglie le passioni e le tradizioni. Oltre alle bellezze paesaggistiche e naturalistiche, abbiamo un tesoro da riscoprire e da valorizzare al meglio. Lo dobbiamo alle centinaia di realtà che animano la quotidianità del Salento, ai cittadini che si impegnano per mantenere vive le nostre tradizioni, ai giovani che quelle tradizioni le considerano parte integrante della loro vita. Ecco, la Giornata nazionale del folklore e delle tradizioni popolari serve a questo. A immaginare, insieme a Regione Puglia e ai Comuni della provincia, un percorso di condivisione delle esperienze virtuose della nostra terra, mettendole a sistema e rafforzandole”.

Questa prima edizione della Giornata nazionale del folklore e delle tradizioni popolari della Provincia di Lecce, inoltre, vedrà protagonisti anche i giovani, sollecitati a riappropriarsi del patrimonio culturale del passato.

In particolare, nell’antisala di San Francesco della Scarpa, gli studenti dell’IISS “Presta Columella” di Lecce allestiranno un’esposizione di prodotti tipici della tradizione culinaria salentina, mentre i partecipanti all’incontro saranno accolti dalle note festose della banda giovanile Associazione Amici della musica di Aradeo.

In base alla direttiva del presidente del Consiglio dei ministri del 31 luglio 2019, (Gazzetta ufficiale n. 200 del 27 agosto 2019), nella Giornata nazionale del folklore e delle tradizioni popolari “le amministrazioni pubbliche, anche in coordinamento con gli enti ed organismi interessati, promuovono l’attenzione e l’informazione sul tema del folklore e delle tradizioni popolari, nell’ambito delle rispettive competenze e attraverso idonee iniziative di comunicazione e sensibilizzazione”.

Speedy Shop Roma

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here