Orlando attacca Alfano: “Agli Interni era distratto”

0
492

Una nuova puntata del ‘caso Zuccaro’.

Il ‘caso Zuccaro’ crea fibrillazioni pure nel governo Gentiloni. Nuove polemiche, infatti, scoppiano sulla vicenda Ong-migranti, di cui si occuperà il Csm il 3 maggio, dopo le dichiarazioni del procuratore di Catania. Il ministro degli Esteri, Angelino Alfano, si schiera con Zuccaro, ma a stretto giro arriva la replica del collega alla Giustizia che lo rimbecca pesantemente: “Forse Alfano agli Interni era distratto?”, si domanda Andrea Orlando. Una evidente spaccatura.

“Non credo – dice Orlando, si debbano sostenere le tesi del procuratore di Catania, bisogna sostenere le inchieste del procuratore di Catania e sulla base di queste trarre delle conclusioni.”Se Alfano è convinto che abbia ragione nel descrivere quel quadro di insieme che il procuratore indica, e che io non sono in grado di confutare, non essendomi occupato del tema, c’è da chiedersi perché non se n’è accorto quando faceva il ministro degli interni. Probabilmente – aggiunge – è una distrazione di Alfano”.

Alfano, dunque, si schiera con il pm Zuccaro: “Io do cento per cento di ragione al procuratore , perché ha posto una questione vera”, ha detto a Taormina, rispondendo, a margine di una serie di incontri e sopralluoghi in vista del G7, ai cronisti che gli hanno chiesto di commentare le dichiarazioni del procuratore. Poi, la doccia gelata del suo ‘collega’ di governo, che lo ha bollato con un aggettivo: “Distratto”

Speedy Shop Roma

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here