MSI NOTA SU POLIZIA MUNICIPALE

0
360

Revisione del regolamento di polizia municipale

La revisione del regolamento di polizia municipale non può essere ulteriormente procrastinata. I sindacati da tempo hanno chiesto un intervento dell’amministrazione comunale su un provvedimento fatto in tempi ingiustificatamente rapidi dal commissario. Tanto rapidi che nella prima delibera (la n35 del 25/1/2019 ) era indicata una approvazione “della versione definitiva-allegata alla presente (delibera) per costituirne parte integrante e sostanziale della delegazione trattante nella seduta del 25/9/2018“, approvazione che non risultava veritiera siccome si è dovuta fare una nuova delibera per annullare quel riferimento. Cosa grave: un regolamento fatto senza concertazione con la delegazione trattante! Ma un regolamento che è stato accettato dal sindaco Salvemini e della sua giunta, tant’è che il sindaco ha detto chiaramente di non aver alcuna intenzione di proporre delle modifiche. E ciò nonostante ci sia una sentenza della Cassazione chiara ed inequivocabile che pone il comandante nello status di tutti quanti gli altri dirigenti: quindi non  una figura “specialistica infungibile”, ma uguale a quella di tutti gli altri dirigenti e come tale sottoponibile a rotazione! Ma la Sinistra leccese, e Salvemini in primo luogo, non intendono rispettare la legge! In commissione statuto già la scorsa settimana il consigliere Rotundo aveva ottenuto di perder tempo; nella seduta di oggi (consigliere Rotundo assente) qualcuno ha tentato di dilazionare ancora i tempi.  Ma grazie agli interventi della nostra consigliera Adriana Poli Bortone ed alla correttezza del Presidente  Murri, la commissione ha deciso di fissare per mercoledì prossimo la presentazione degli emendamenti per poterli portare il lunedì successivo. Il corpo dei vigili urbani per il fiore all’occhiello dell’amministrazione. Oggi e demotivato e giustamente in agitazione. Non vogliamo pensare che il Regolamento sia stato fatto per cristallizzare la posizione del Comandante (chiunque sia!) ma per ridare la digntà  che merita ad un corpo fatto di lavoratori carichi di oneri e responsabilità , ridotti di numero nel tempo,, disponibile sempre ad orari di lavoro talvolta particolarmente faticosi ed il più delle volte privi di riconoscimento economico.

Il Movimento  Sociale Fiamma Tricolore che da sempre  presta attenzione alla dignità della persona, alla valorizzazione del merito, alla dignità del lavoro, incalzerà all’amministrazione, con tutti i mezzi consentiti da leggi e regolamenti, per fare in modo che i vigili urbani siano percepiti dalla cittadinanza non come “erogatori di multe”, ma come amici dei cittadini da accompagnare in processi di legalità, garantendo ordine e sicurezza
Egidio Personè

Segretario Regionale MSI FT

Speedy Shop Roma

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here