Imbottigliati in Cucina va in scena a Le Macàre

0
379

Imbottigliati in Cucina va in scena a Le Macàre 

Produttori di vino che diventano chef, chef che servono in sala, giornalisti che guidano l’assaggio dei vini e chissà cos’altro, visto che “tutto può accadere”.

Torna a distanza di un anno la rassegna di enogastronomia più attesa: Imbottigliati in cucina va in scena a Le Macàre e mette ai fornelli i produttori di vino del Salento. Dalla guida Slow Wine alla trattoria di Alezio il passo sembra essere breve, ma ci vogliono ironia e grande attenzione verso le materie prime, per far riuscire la magia.

Sarà Paolo Cantele dell’azienda Cantele di Guagnano ad aprire le danze raccontando attraverso i suoi piatti la storia dei suoi nonni, Giovanni Battista Cantele e Teresa Manara, che il Salento lo scelsero più di sessanta anni fa. Una storia d’amore che parte dal Veneto e dall’Emilia Romagna e che, proprio come accadrà a tavola l’11 maggio, ha trovato qui al Sud il luogo ideale in cui fondersi, mettere radici, sviluppare un’idea assolutamente unica e originale di vino e passione per la terra.

Tradizioni culinarie che si contaminano, grande attenzione per le materie prime, voglia di sperimentare attraverso il grande rispetto delle territorialità: garantiscono Slow Food Neretum e Le Macàre, che hanno ideato la serata e cureranno ogni dettaglio della sua realizzazione.

In cucina insieme a Paolo Cantele ci sarà Daniela Montinaro, la cuciniera della trattoria di Alezio. In sala, a dirigere l’orchestra di camerieri assolutamente top-secret, Stella D’Aprile e la sua inconfondibile idea di accoglienza.

Cena aperta a chi vorrà divertirsi e assaporare un Salento inedito, fatto di ricerca, qualità, professionalità. E, ovviamente, grande ironia.

Proprio come gli Imbottigliati ci hanno insegnato già.

Prenotazioni al numero 3281492261.

Prossimo appuntamento il 6 giugno con Fabio Giavedoni, curatore nazionale della guida Slow Wine e Max Plett, presidente di Slow Food Friuli Venezia Giulia.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here