Discarica tra Surbo e Lecce, prima riunione del tavolo voluto da Stea

0
137

Sulla discarica D’Aurio un primo passo è stato fatto. L’assessore regionale Gianni Stea, che ha effettuato un sopralluogo sul sito il 15 novembre scorso, ha convocato un tavolo che si è riunito oggi, presenti Comune di Lecce, Arpa, Asl e il movimento Sentire Civico, che ha sollecitato l’esponente della Giunta Emiliano a prendere visione della situazione.

Il sito, ubicato in territorio leccese ma più vicino a Surbo, consta di due cave. Il 2003 è l’anno dell’avvio della fase di post-gestione dell’impianto che, però, non risulta essere mai partita.

Il tavolo di oggi, a quanto riferisce Stea, ha ottenuto un risultato: “Sulla discarica coperta e dismessa, l’Arpa, come primo passo, procederà con l’analisi dei pozzi spia. Per quel che concerne la cava con i rifiuti a vista tra cui amianto, il Comune di Lecce, per parte sua, provvederà alla verifica della proprietà, ad emettere una prima diffida per la rimozione e qualora la diffida non venga onorata, emetterà una ordinanza. Atti questi obbligatori per agire eventualmente in sostituzione al proprietario che non ha ottemperato agli obblighi di legge e per procedere con la messa in sicurezza”.

Il tavolo si aggiornerà il 27 novembre, con Comune di Lecce e Arpa che relazioneranno sulle prime azioni concordate. In quell’occasione, l’assessore auspica anche la presenza della Provincia su cui ricadrebbe la competenza del sito e che oggi era assente. Sembrerebbe, tuttavia, che la mancanza di un rappresentante dell’Ente di palazzo dei Celestini sia legata a un disguido tecnico connesso con la tempistica dell’invio e della ricezione della convocazione del tavolo e che non vi sia alcuna volontà politica, da parte del presidente Stefano Minerva, di ignorare o evitare la questione.

Intanto, Gaetano Messuti, di Sentire Civico, sottolinea: “Il lavoro e l’impegno portato avanti in queste ore dimostra quanto la buona politica porti al dialogo ed alla risoluzione dei problemi dei cittadini, al netto delle bandiere politiche di appartenenza. Un lavoro eccellente quello che sta raccordando l’assessore Gianni Stea, che ringrazio per impegno e sensibilità”. Soddisfazione esprime anche Gianluca Scozzi, coordinatore di Sentire civico di Surbo, presente al tavolo regionale: “La discarica D’Aurio è una piaga ambientale che preoccupa la comunità surbina da oltre 30 anni. Finalmente Surbo entra nell’agenda regionale come una priorità. Siamo all’inizio di un lungo percorso che potrebbe risolvere un problema vissuto come una vera condanna”.

“Sentiamo il dovere come Puglia Popolare Surbo di ringraziare l’Assessore Regionale all’Ambiente per la sua attenzione per il Salento. Ogni volta che è stato necessario è venuto personalmente a verificare la situazione e prendere i dovuti provvedimenti di competenza. Come fatto per la discarica di Castellino, per l’Oasi delle Cesine ed ora per la discarica D’Aurio”: è quanto puntualizza, in una nota, Oronzo Vergine, coordinatore di Puglia Popolare Surbo. “Certo – aggiunge – va sottolineato che è strana la vicenda che a sollevare l’attuale situazione siano le stesse persone che ricoprivano in questi anni i ruoli di Amministratori del Comune di Lecce ed avrebbero dovuto vigilare ed intervenire per tempo”, afferma, con chiaro riferimento a Messuti. “Ma meglio guardare avanti nell’interesse dei Surbini”, conclude.

Speedy Shop Roma

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here