DE BENEDETTO: “DISOCCUPAZIONE GIOVANILE E CERVELLI IN FUGA. CHE LA POLITICA PARLI DI QUESTO”.

0
387

La situazione in Italia è tutt’altro che semplice, il 42,4% di disoccupazione giovanile é causato da problemi concreti: gli accessi all’insegnamento sbarrati, i tagli alla scuola, alla sicurezza, alla cultura, la corruzione, il nepotismo e lo scarso dinamismo delle imprese sono solo alcuni esempi.

In America, Inghilterra e Germania, solo per citare alcune delle mete preferite dai cosiddetti “cervelli in fuga”, il mercato del lavoro è più dinamico e flessibile, le opportunità di fare carriera e di ottenere fondi per la ricerca infinitamente maggiori, gli stage retribuiti e gli stipendi più alti. Il nostro sistema vive un paradosso: veniamo formati nelle, ottime, università italiane e poi, invece di mettere a frutto la preparazione nel nostro Paese, portiamo altrove le nostre conoscenze per la mancanza di sbocchi lavorativi.

 Ciò che mi preoccupa, è la leggerezza con cui spesso si affronta la questione.

 Al Governo italiano chiediamo di fare qualcosa, dei tweet elettorali siamo già stanchi.

 Ai cittadini europei chiedo l’impegno e la presenza domenica prossima. Dalla loro preferenza potrà dipendere la linea politica che l’Italia porterà in Europa.

Speedy Shop Roma

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here