test
lunedì, Luglio 15, 2024
HomeNotizie dal MondoCHIUDE IL KM97 DI LECCE

CHIUDE IL KM97 DI LECCE

DODICI ANNI DI MUSICA E CULTURA CANCELLATI IN TRENTA GIORNI

“Per urgenti esigenze legate all’imminente ristrutturazione dell’infrastruttura ferroviaria”, si legge sulla raccomandata ricevuta qualche giorno fa, entro il 30 giugno gli spazi dovranno essere sgomberati, procedendo, oltretutto “al ripristino dello stato originario dei luoghi”.
Gli spazi di cui si parla sono quelli del Km97. Un vecchio casello ferroviario che ha vissuto una nuova primavera, dal 2010 a oggi, arrivando a ospitare, attualmente, tre sale prova, uno studio di registrazione, un’audiofficina e un archivio della musica indipendente.
Un luogo che si è strutturato, creando opportunità e lavoro: sono diversi, infatti, icontratti di lavoro posti in essere in questi anni. Perché la musica è anche lavoro.
Ma soprattutto un luogo di memoria, per sua natura fortemente simbolico, crocevia di
arrivi, soste e partenze. Una struttura riqualificata col sudore della fronte.
Un posto di musica e di incontro, che ha visto la nascita di progetti condivisi con tante
altre realtà del terzo settore, enti pubblici e privati, del territorio e non, generando
fermento culturale e sociale.


Un posto che è stato “casa” per tante band che hanno potuto provare, sperimentare,
confrontarsi e soprattutto esprimere la propria arte.
“Perché”, abbiamo chiesto ai funzionari delle Ferrovie? “Perché dobbiamo andar via da
qui, e senza neanche un preavviso degno di considerarsi tale?”
È proprio necessario sgomberare uno dei pochissimi caselli, tra quelli dati in gestione
anni fa, che ha dato un contributo tangibile e reale alla vita sociale e culturale del
nostro territorio?
Prima di individuare questo casello, come indispensabile alla ristrutturazione della rete
ferroviaria, si è tenuto conto del valore materiale e immateriale che ha generato, in dodici anni di attività?
Non poteva essere valutata una soluzione alternativa, visto che a pochissima distanza
dal Km97 ci sono altri due caselli, completamente inutilizzati?
I finanziamenti pubblici che hanno contribuito alla rigenerazione di questo bene,
l’investimento che le istituzioni pubbliche hanno fatto per la crescita di questo spazio
culturale, che fine faranno?
Al momento, tutte domande senza risposta.
Quel che è certo sono i 30 giorni di preavviso per “smantellare” 12 anni di Km97. Una
bella botta, non c’è che dire. Ma sono mazzate che non intaccheranno la comunità, le
relazioni e l’energia che si sono generate, in tutto questo tempo.
Noi non ci fermiamo qui. Questo è poco, ma sicuro.

Articoli Correlati

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome qui

Post Popolari

Commenti recenti

Verified by MonsterInsights