Bomba di Capodanno a Firenze, anarchico arrestato a Roca

0
411

Bomba di Capodanno a Firenze, anarchico arrestato a Roca

E’ stato individuato e arrestato nella notte a Roca in un vecchia abitazione di fronte al mare occupata di recente e ribattezzata “La Caura”.
Pierloreto Fallanca, 30enne di Teramo, ben noto agli archivi di polizia italiani per la sua appartenenza a gruppi di anarchici – antagonisti, è una delle otto persone individuate dalla Digos di Firenze come responsabili, a vario titolo, dell’attentato di Capodanno alla libreria “Il Bargello” e del lancio di molotov alla caserma dei carabinieri di Rovezzano il 21 aprile scorso.
La bomba alla libreria – un vero e proprio attentato terroristico in stile “anni di piombo”- causò la perdita di un occhio e di una mano all’artificiere di polizia Mario Vece che si avvicinò all’ordigno proprio nel momento in cui scattò il timer. Per questo Fallanca è accusato, oltrechè di fabbricazione di ordigno atto ad esplodere, anche di tentato omicidio in concorso.
Fallanca, alle spalle un ricco elenco di precedenti denunce per occupazioni e scontri (anche a Brindisi, davanti al centro di accoglienza di Restinco) non è nuovo nel Salento: la sua “gita” a Roca è recente ma non è la prima.
Insieme a lui, nella casa occupata, gli agenti della Digos di Lecce che hanno dato esecuzione al provvedimento, c’erano anche altre otto persone, tutte del posto e conosciute alla Polizia perchè appartenenti a gruppi di antagonisti attivi sul territorio e finiti di recente nelle indagini sugli scontri durante le manifestazioni “No Tap”.
“Fallanca non ha partecipato alle manifestazioni – ha chiarito il Questore di Lecce Leopoldo Laricchia durante la conferenza stampa– ma è un soggetto che, come altri, gravita in ambienti antagonisti che vedono il Salento come un ‘punto di lotta’. Proprio su questo fronte è bene sempre distinguere la protesta civile e legittima da veri e propri atti criminali”.
Fallanca è ora in carcere, la casa occupata di Roca è in attesa di essere sgomberata: per procedere la polizia deve prima acquisire la denuncia dei due proprietari dell’immobile.

 Il ministro dell’Interno, Marco Minniti, si è congratulato con il capo della polizia, Franco Gabrielli. “L’operazione della polizia che ha interessato diverse città italiane – ha sottolineato il ministro -, rappresenta un successo di alto livello conseguito attraverso una complessa e articolata attività investigativa svolta dalla Digos di Firenze, Roma e Lecce e dal Servizio centrale antiterrorismo, che hanno lavorato per mesi in stretto contatto con la Magistratura”. “L’operazione – ha proseguito Minniti – assume poi un significato particolare perché in coincidenza con il rientro del sovrintendente Mario Vece ai compiti operativi della squadra mobile di Firenze”. 

Speedy Shop Roma

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here