Presidio No Tap, cittadini e sindaci si mobilitano per salvare gli ulivi

0
444

Presidio No Tap, cittadini e sindaci si mobilitano per salvare gli ulivi

Nell’incontro dei capigruppo regionali viene affossata la mozione del Movimento 5 Stelle tesa a contrastare gli espianti operati da Tap a Melendugno con i voti di Forza Italia: il tema, dunque, non giunge in aula e non potrà essere discusso.

“La nostra mozione – spiegano gli otto consiglieri regionali del Movimento 5 Stelle Rosa Barone, Gianluca Bozzetti, Cristian Casili, Mario Conca, Grazia Di Bari, Marco Galante, Antonella Laricchia e Antonio Trevisi – infatti avrebbe impegnato la giunta Emiliano a chiedere all’Avvocatura di valutare se impugnare la nota ministeriale, con cui vengono violate le competenze regionali, e contestualmente procedere con un esposto in Procura perché queste attività, pur non rappresentando un vero e proprio inizio dei lavori, sono ad essi propedeutiche”.

“Il capogruppo di Forza Italia Andrea Caroppo – accusano – si assumerà la responsabilità davanti al popolo salentino per questa decisione inspiegabile e inaccettabile. Dal canto nostro – proseguono – a questo punto depositeremo un’interrogazione proprio su questo tema: vogliamo sapere se Emiliano, proclami a parte,  intenda agire impugnando la nota ministeriale e valutando la presentazione di un esposto alla Procura”.

Rammaricato dell’accaduto anche Ernesto Abaterusso, consigliere regionale del gruppo “Articolo 1 – Movimento Democratici e Progressisti”che aveva anch’egli proposto la discussione urgente, in deroga al regolamento consiliare, di una mozione a sostegno della battaglia dei sindaci e dei cittadini contro l’espianto degli ulivi a Melendugno: “Il No di qualcuno nelle file dell’opposizione non ha permesso all’assemblea di dare oggi un segnale forte a un territorio che chiede l’aiuto e il sostegno delle istituzioni”.

Intanto Tap esprime solidarietà all’operatore di TeleNorba aggredito e precisa che, nella giornata odierna, su invito del Prefetto, gli uomini e i mezzi che hanno raggiunto il cantiere del microtunnel, hanno soprasseduto ad operazioni di espianto degli ulivi, limitandosi ad altre attività comunque ad esse propedeutiche.

“Non essendo allo stato intervenuto alcun atto di revoca o sospensione delle autorizzazioni rilasciate – precisano – per le attività di cantiere della Fase 0, TAP conferma il proprio programma di lavoro nell’area”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here