Omicidio Rea, Parolisi gioca l’ultima carta.

0
359

La morte di Melania arriva in Cassazione

Il 10 febbraio 2015 è stata fissata l’udienza in Cassazione a carico di Salvatore Parolisi, l’ex caporalmaggiore dell’Esercito di stanza al 235esimo Reggimento Piceno condannato in Appello a 30 anni per l’omicidio della moglie. I suo legali stanno preparando un nuova memoria difensiva con nuovi particolari.

In primo grado, con rito abbreviato, Parolisi venne condannato dal gup di Teramo all’ergastolo. L’uomo è  stato considerato il solo colpevole del delitto di Melania Rea avvenuto nel boschetto della Casermette a Ripe di Civitella del Tronto (Teramo) il 18 aprile del 2011, ma il cui corpo venne ritrovato due giorni dopo grazie ad una telefonata anonima fatta alla polizia che annunciava il ritrovamento di un corpo seminudo.

Dietro all’orrendo assassinio di Melania Rea c’è chi ipotizza altre verità, che vanno oltre la vita della famiglia di Folignano e delle avventure extraconiugali.

Un filo rosso che potrebbe collegare l’attività militare di Parolisi, la camorra, il traffico internazionale di stupefacenti, alcuni componenti dei contingenti Isaf della Nato schierati nel Paese dell’Asia centrale e la tragica fine di una giovane mamma.

Speedy Shop Roma

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here