MEDEA-Gallipoli

0
881

“Medea” Compagnia “Ragazzi di Via Malinconico per la regia di Roberto Treglia La tragedia classica invade il Teatro Comunale di Gallipoli

Una scenografia imponente e inquietante che fuoriesce dal palcoscenico e invade interamente gli spalti del teatro, trasformandolo in un’arena nel quale gli spettatori entrano come in un tempio pagano di ghiaccio e sangue. E’ questa la “Medea” allestita nel Teatro Comunale Garibaldi di Gallipoli, a cura della Compagnia “Ragazzi di Via Malinconico” per la regia di Roberto Treglia.

Più che una messinscena, una grandiosa installazione artistica e teatrale, che fonde suggestioni visive, olfattive e tattili ai suoni e alle terribili vicende di una delle storie più spaventose che il teatro classico greco abbia tramandato ai nostri giorni.

Medea, moglie e madre, abbandonata dal marito e scacciata dalla sua casa, sconvolta dall’odio che la dilania e la acceca, uccide i suoi due figli. Una punizione che la condanna per sempre a divenire essa stessa mito e simbolo del crimine più efferato che possa essere concepito, l’infanticidio ad opera della stessa madre. Un mito che si ripercuote nei secoli e diviene attuale anche ai nostri giorni. Nelle parole dello stesso regista, Roberto Treglia, “per Medea l’amore eccessivo non porta onore, né dignità. Il suo è un eros intemperante, smodato, violento. Medea è detentrice di una lucidità abbacinante e di una dottrina dissimile dal contesto circostante. E’ martire di un continuum di umiliazione, passione, disperazione, ferocia e di un animo depravato. Eppure la sua è una crudeltà ingiudicabile, appartenente ad un mondo diverso, lunga ombra di un primitivo orribile e sinistro. Medea è una creatura che consuma un atto eccezionale nel vivo contesto di disagio sociale che fomenta le sue debolezze, nella necessità di rivalsa che muove l’impulso violento e la facilità con cui è abituata a distruggere gli ostacoli che si frappongono al raggiungimento dei suoi scopi. Lacerata dal dissidio di un amore materno che la porterebbe a dimenticarsi di sé e una brama di vendetta che, in fondo, è la distruzione di un’altra parte di sé, essa giunge tragicamente alla possibilità che una madre possa e debba uccidere i propri figli”.

IN SCENA DAL 12 AL 16 MARZO 2015 SIPARIO ORE 21.00 Compagnia Ragazzi di Via Malinconico

MEDEA Riadattamento da Euripide a cura di Roberto Treglia

Regia: Roberto Treglia

Personaggi ed interpreti:

– Medea: Luana Greco

– Giasone: Roberto Marius Treglia

– Creonte: Alberto Greco

– Egeo: Luigi Mba Pì Tricarico

– Nutrice: Cinzia Corrado

– Pedagogo: Emanuele Frisenna

– Pedagogo: Riccardo Abbate

– Figli di Medea: Alex Coppola e Sabrina Zappatore

– Corifeo: Fiorella Demitri

– Coro di Donne Corinzie: Margherita Zappatore, Isaura Scorrano, Annalisa Gallo, Lucia Polo, Laura Cortese

– Guardi Corinzie: Francesco Seclì e Luca Benvenga

– Allestimento Foyer: Eleonora Benvenga e BettyBoopDanceAccademy

Direzione artistica e ufficio stampa: Alberto Greco

Regia luce e suono: Sara Cataldi e Francesco Tricarico

Direzione tecnica: Stefano Coppola, Pino Greco, Staff Coppola

Costumi: Giuseppa Attanasio

Scenografia: Stefano Coppola e Pino Greco

Speedy Shop Roma

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here