CAVALLINO Nuova Raccolta Differenziata

0
390
dav

PRESI D’ASSALTO GLI OPERATORI ECOLOGICI E IL CENTRO RACCOLTA DI CAVALLINO.

La nuova raccolta differenziata a Cavallino muove i primi passi nell’incertezza di tanti dubbi e nella lacunosa organizzazione del servizio.

I DUBBI sono venuti alle centinaia di utenti che in questi primi due giorni (lunedì 2 e mercoledì 4 dicembre ) di conferimento dell’organico (i rifiuti umidi della cucina) avevano messo fuori, in strada, i sacchetti della spazzatura e gli operatori della ditta

NON LI HANNO RITIRATI. E NON HANNO NEPPURE GIUSTIFICATO IL MANCATO RITIRO.

Eppure molti di questi sacchetti erano stati riempiti, scrupolosamente, SOLTANTO CON GLI SCARTI ORGANICI della cucina.

Quindi NON RISULTA VERO, quello che aveva sostenuto e spiegato l’ingegnere Alfonso Piccarreta nel corso della partecipata riunione con gli utenti di Castromediano il 27 settembre scorso.

In quella circostanza il tecnico incaricato da Ecotecnica aveva detto testualmente:

«…Non ci saranno punizioni all’inizio. Ma il mastello rimarrà in strada pieno e non ritirato, con un adesivo che l’operatore apporrà, spiegando il tipo di infrazione commessa.

Esempio: :esposto nel giorno sbagliato; non differenziato correttamente. ecc .. Non viene ritirato per non inficiare la selezione corretta fatta dagli altri utenti…».

NIENTE DI TUTTO QUESTO.

Anzi, molti utenti sono corsi dietro al camion per farsi spiegare dagli operatori perchè il sacchetto è stato lasciato in strada.

In molti casi è accaduto che la gente ha messo l’organico nei sacchetti NORMALI solo perchè al momento del ritiro presso il Centro Raccolta di Cavallino NON SONO STATI DISTRIBUITI quelli bianchi trasparenti.

Quanto all’ORGANIZZAZIONE DEL SERVIZIO, c’è da rilevare che il CENTRO COMUNALE di RACCOLTA (CCR) di via Carlo Levi a Cavallino è stato letteralmente preso d’assalto.

La foto che Castromediano news ha scattato ne è una testimonianza. Per tutto il giorno decine e decine di utenti si sono precipitati presso l’oasi ecologica per risolvere un problema vitale:

EVITARE DI SOMMERGERE L’ABITAZIONE DI RIFIUTI NON RITIRATI.

Molti utenti, soprattutto quelli anziani, ammalati, che non leggono i manifesti comunali, che non navigano su Facebook, hanno dovuto imparare a loro spese, “brutalmente”, che dovevano farsi accompagnare al CCR e ritirare TUTTO IL MATERIALE: tutti i sacchetti, i contenitori e farsi spiegare i dettagli di un servizio che NON ERA STATO ANCORA AVVIATO.

Cesare Mazzotta

Speedy Shop Roma

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here