Tricase una rassegna dedicata alla Cina con mostre, proiezioni, dibattiti

0
319

A Tricase una rassegna dedicata alla Cina: incontri, un viaggio sull’antica via della seta, laboratori e una mostra d’arte

Il 3 gennaio la proiezione di lavori cinematografici con l’Ambasciata Cinese

Le festività natalizie e l’alba del nuovo anno si tingono di rosso a Tricase. Un rosso inedito che viene da lontano: dalla Cina.

manifesto-mostra

Salento e Pechino, due culture apparentemente lontane, si contaminano, si scambiano esperienze feconde e finiscono per ri-conoscersi più vicine. Accade nella cittadina sud salentina in questi giorni, da sempre crocevia di culture e modello di integrazione, grazie ad una rassegna di eventi promossa dall’associazione culturale italo-cinese ‘Il Filo di Seta’ e dal Gozone Art Museum, galleria d’arte del noto villaggio/distretto degli artisti Song Zhuang, a Pechino organizzata in collaborazione con l’assessorato alla Cultura del Comune di Tricase, nella persona di Sergio Fracasso, e con la Regione Puglia.

img_6976

Il nucleo centrale del programma è una mostra di arte tradizionale cinese, in particolare calligrafia e pittura, dagli stili più classici fino alle espressioni contemporanee, allestita a Palazzo Gallone (dal 28 dicembre al 6 gennaio 19.00/23.00). Il programma prevede anche conferenze e laboratori artistici tenuti da Liu Hui Ying.

Dopo l’apertura della rassegna lo scorso 28 dicembre, un nuovo appuntamento è fissato per martedì 3 gennaio 2017, sempre a Palazzo Gallone dalle 20.30, quando saranno proiettati alcuni lavori cinematografici sul tema degli scambi tra cultura cinese e Occidente. I lavori: lo spot realizzato dal Gruppo Meditfilm in occasione della partecipazione della delegazione italiana alla Biennale China Art Expo dal titolo “Contaminazioni a Gozone Art Museum”, lo spot dei viaggi in Europa “La nuova via della seta” con le esperienze degli artisti del Gozone art Museum che vi hanno partecipato ed infine il trailer del documentario “Art stories in Song Zhuang , Beijing”, a cui il Gruppo Meditfilm sta lavorando sulla base dei filmati presi alla Biennale China Art Expo di Song Zhuang lo scorso settembre.

Le proiezioni saranno arricchite dalla presenza e dalle testimonianze di Markus Nikel, consulente direzione Rai Cultura ed interlocutore tra Rai e Guangzhou International Documentary Festival, di June- Liu Zun, presidente dell’Associazione Culturale Italo Cinese “Il Filo di seta”, e di tutti gli artisti che hanno partecipato alla biennale di Song Zhuang. Saranno presenti, inoltre, alcuni esponenti dell’Ambasciata Cinese di Roma in veste ufficiale.

Nel corso della manifestazione, gli interventi dei maestri di Taijiquan della Italian Wang Academy e la conferenza condotta dal Maestro Sergio Bozzi, introdurranno all’armonia e all’equilibrio del pensiero filosofico cinese.

La mostra – Le opere esposte sono concettualmente il “racconto” che alcuni artisti hanno fatto di un viaggio in camper lungo la via della seta, nel 2015 e nel 2016, organizzato da Gozone Art Museum.  Da Pechino, in quattro mesi, è stata ripercorsa l’antica via fino ad arrivare in Europa.  Le opere sono di Liu Hui Ying, Liu Xing Gui, Xue Ni, Sun Kan, Wang Zhi Xiang, Li Yu Hua, Zhang Ya Li, Chu Yong Chao e Li Huai Zhou. Sono in mostra anche “i quattro tesori” dell’arte tradizionale cinese e una selezione di sigilli, ma anche opere di artisti italiani influenzati in vario modo dalla Cina e dalla sua millenaria cultura.

La carovana del Gozone Art Museum con i suoi artisti è approdata per la prima volta nel Salento lo scorso giugno, quando è stata ricevuta dal Sindaco e dall’Assessore alla Cultura del Comune di Tricase. Dagli incontri di quei giorni è scaturita la partecipazione di sette artisti salentini alla Biennale China Art Expo di Song Zhuang, organizzata dal Ministero dei Beni Culturali Cinese, a Pechino, che si è tenuta a fine settembre. A tre mesi di distanza sono tornati a Tricase il gallerista Zhang Guo Zhong – ideatore e finanziatore dei coraggiosi viaggi degli ultimi due anni – e l’artista Liu Hui Ying, ospitato in residenza artistica presso Ceramiche Branca.

Contaminazioni – sulle orme di Marco Polo si concluderà il 5 gennaio, con un concerto che vedrà protagonisti cantanti lirici cinesi e italiani realizzato in collaborazione con il  Conservatorio Tito Schipa di Lecce.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.