Eradicazione ulivi.Tensioni ad Oria.

0
410

È scattata l’ora X. Questa mattina, dalle ore 9, sarebbe dovuto partire il piano di eradicazione degli ulivi previsto dal Piano Silletti.

 

img2262.jpg

Le ruspe in azione dalle ore 9 nel focolaio di Oria, però, come era ampiamente prevedibile hanno trovato una situazione critica.
Nessun albero, infatti è stato ancora abbattuto, ma sembra essere tutto pronto: si attende solo il “via”. Le camionette della Forestale ci sono già, quelle dell’impresa che dovrà materialmente eradicare anche e da poco sono arrivati sul posto anche i carabinieri per garantire l’ordine pubblico ed evitare che eventuali tensioni sfocino in scontri fisici. Tra un olivo e l’altro sono stati anche appesi alcuni striscioni dagli attivisti in difesa delle piante, giunti principalmente dal leccese.

Le tensioni quindi sono nell’aria. Subito dopo le 9.30 le prime agitazioni si sono avute tra i manifestanti e i carabinieri e la Forestale, poi è toccato all’imprenditore Giuseppe Calò, titolare della ditta incaricata del taglio degli alberi. Qualcuno avrebbe minacciato di tagliare le gomme dei suoi mezzi. Gli animi, insomma, si stanno scaldando nell’area del cosiddetto focolaio Xylella nellecontrade Frascata e Fratascone, ad Oria, dove dovrebbero cominciare a breve le operazioni di eradicazione degli ulivi infettati dal batterio killer e condannati a morte dal piano predisposto dal commissario per l’emergenza Giuseppe Silletti.

Le forze dell’ordine hanno chiesto ulteriore supporto ai rispettivi comandi locali. Il commissario prefettizio del Comune di Oria, dottoressa Pasqua Erminia Cicoria, si difende davanti ai cittadini dalle accuse d’insensibilità verso l’argomento e spiega che l’attuazione del piano non dipende dal suo volere. La situazione comunque è in divenire e maggiori dettagli si potrebbero avere a breve.

 

Speedy Shop Roma

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here