Li Ucci Festival a Cutrofiano (Le)

0
803

LI UCCI FESTIVAL

La sesta edizione della manifestazione ospita una settimana di concerti, mostre, estemporanee di pittura, presentazioni di libri, bike tour, incontri per ricordare non solo i cantori de “Li Ucci”, lo storico gruppo salentino custode degli “stornelli”, dei canti d’amore e di lavoro, ma anche un’intera generazione di cantori capaci di tramandare il patrimonio popolare salentino. Sabato 17 settembre concerto evento con l’orchestra che accoglie alcuni dei principali esponenti della musica e della danza popolare salentina.

Concerti, mostre, presentazioni di libri, bike tour, incontri, degustazioni: da domenica 11 a sabato 17 settembre a Cutrofiano, in provincia di Lecce, appuntamento con la sesta edizione de Li Ucci Festival.

antonio-melegarii

La manifestazione organizzata dall’Associazione Culturale Sud Ethnic e dal Comune di Cutrofiano – con la direzione artistica e organizzativa di Antonio Melegari e con il supporto di partner pubblici e privati – ricorda non solo i cantori de “Li Ucci“, lo storico gruppo salentino (guidato da Uccio Aloisi, Uccio Bandello e Narduccio Vergaro) custode degli “stornelli”, dei canti d’amore e di lavoro ma anche un’intera generazione di cantori capaci di tramandare il patrimonio popolare salentino. Il momento clou sarà il grande concerto evento finale (sabato 17 in Piazza Municipio) con Li Ucci Orkestra, che ospita circa 40 elementi, tra i principali esponenti della musica, del canto e della danza popolare salentina. «Sei anni di tradizione, sperimentazione e innovazione. Quella che all’inizio era solo una piccola finestra è stata trasformata in una porta spalancata su tante realtà artistiche, dalla musica alla fotografia, dalla pittura alla gastronomia, dalla danza alla poesia», sottolinea il direttore artistico Melegari.

Dopo l’anteprima con il cantattore P40 l’articolato programma (tutti gli appuntamenti a ingresso libero) prenderà il via domenica 11 settembre alle 9 con il Bike-tour, la biciclettata culturale de Li Ucci Festival con partenza da via Collepasso (nei pressi del Bar Gisby) e sosta finale nella “Cantina e Oleificio” di via Aradeo con la degustazione degli “Assaggiucci” per tutti i partecipanti. Dalle 21 a Villa Santa Barbara esibizione musicale della Famiglia Giovanni Avantaggiato, cantore ultraottantenne, nato e cresciuto a Corigliano d’Otranto, rappresenta oggi un custode di arcaici saperi, che nella sua musica vengono alla luce. A seguire iCardisanti, che prende il nome dal termine dialettale di Cutrofiano del cardo campestre, alla cui natura si ispira il carattere musicale. Il gruppo si è ufficialmente costituito dopo la scomparsa nel 1998 di Uccio Bandello. La loro storia ha le radici piantate nell’esperienza dei grandi cantori del proprio paese con i quali hanno condiviso indimenticabili momenti di gioia facendo musica insieme in numerose occasioni. Durante la serata costruzione dal vivo di ciaramelle e zampogne a cura del maestro liutaio Francesco Primiceri.
ucci-festival-webLunedì 12 settembre (ore 19.30) nel Laboratorio Urbano Sottomondo (Ex Mercato Coperto) al via il consueto spazio dedicato all’arte con “Li Ucci tra musica e colore” a cura di Teresa Gravili. Durante la serata proiezione del concerto del 1997 in Piazza Verdi a Bologna con Uccio Aloisi, Uccio Bandello, Luigi Stifani, Giovanni Avantaggiato, Biagio Panico, Ada Metafune (archivio Ass.ne Novaracne).
Martedì 13 settembre (ore 21) nell’atrio delle Scuderie di Palazzo della Principessa una serata dedicata a Gianni De Santis, autore di testi musicali e teatrali in griko e italiano, musicista e cultore della lingua antica del Salento scomparso a novembre, con la proiezione del documentario Evò Ce Esù di Christian Manno e Pantaleo Rielli (a cura dell’Associazione Salento Griko e distribuito dal Parco Turistico Palmieri) e lo spettacolo “Griko, oltre l’orizzonte” con il fratello Rocco e Mattia Manco. A seguire ronda spontanea di suonatori e danzatori in Piazza Cavallotti.
Mercoledì 14 settembre (ore 21) tre locali di Piazza Cavallotti ospiteranno “La chiazza ca sona e ca vive” con la musica di Dario Muci & Antonio Calsolaro (Pesce Fritto e Baccalà), Scazzacatarante (Buena Suerte Cafè) e Salento All Stars in Taranta Ensemble (Jack’n Jill Lab). Nel centro storico sarà allestito un mercatino artigianale. Durante la serata costruzione dal vivo di ciaramelle e zampogne (a cura del maestro liutaio Francesco Primiceri) e di oggetti in terracotta (a cura del maestro figulo Salvino De Donatis).
Giovedì 15 settembre (ore 21) nel Parco Verde “Falcone e Borsellino” si esibiranno la Famiglia Cordella e la band Hosteria di Giò, tra i vincitori del Premio Nazionale Folk, concorso dedicato alla musica folk e alla world music italiana, promosso da “Li Ucci Festival”, dal “Meeting degli Indipendenti” di Faenza e dalla Scuola di Musica Popolare di Forlimpopoli.
Venerdì 16 settembre alla Masseria L’Astore la serata prenderà il via alle 19.30 con un laboratorio sulla danza scherma salentina a cura di Davide Monaco. Dalle 21 spazio alla musica di Mino De Santis, Le Sorelle Gaballo, Li Strittuli e dei Sancto Ianne, altra band vincitrice del Premio Nazionale Folk. Durante la serata mercatino artigianale di qualità con costruzione dal vivo di ciaramelle e zampogne (a cura del maestro liutaio Francesco Primiceri) e mercatino biologico realizzato in collaborazione con Salento Km0.
Sabato 17 settembre in Piazza Municipio il concerto evento de Li Ucci Orkestrasarà aperto alle 21 dalla presentazione della squadra Cutrofiano Volley e dalle esibizioni di Menamenamò e Sleego (Premio Nazionale Folk). Durante la serata mercatino biologico realizzato in collaborazione con Salento Km0 e mercatino artigianale di qualità.
Fuori programma domenica 18 settembre dalle 21 con una festa finale in Piazza Cavallotti con il gruppo Folklorico Canterini della riviera Jonica Melino Romolo di Messina e Melegari e i suoi compari.
Speedy Shop Roma

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here