IL VESCOVO MICHELE SCRIVE ALLE FAMIGLIE DELLA CHIESA DI LECCE

0
348

CHIESA DI LECCE MICHELE SECCIA

Carissime famiglie,
inizia proprio oggi il nuovo Anno liturgico. Un nuovo cammino di fede
da vivere nell’unità in ogni comunità cristiana e da percorrere nella storia
del mondo in un disegno di salvezza desiderato e realizzato nel Dio che è
Amore.
E ogni Anno liturgico inizia con il Tempo di Avvento che è un tempo stupendo poiché nei cuori si risveglia l’attesa del ritorno di Gesù e la memoria della nascita di colui che svuotò se stesso assumendo una condizione di servo, diventando simile agli uomini (Fil 2,7). Non è, perciò, un Dio che se ne sta in cielo, un Dio disinteressato a noi e alla nostra storia, ma è il Dio che viene.

È il Padre che desidera farci visita ed incontrarci, dimorando fra noi.
Mentre vi scrivo sono a Nazareth, città di Gesù, Maria e Giuseppe, città
nella quale si contempla il silenzio e l’amore della Sacra Famiglia, modello
di ogni vita familiare e cristiana.
E, idealmente, qui da Nazareth mi siedo alla vostra tavola, alla vostra
mensa domestica. Con voi faccio un bel segno di croce, memoria della nostra fede e del Battesimo… Già provo la gioia dell’essere famiglia, del condividere ciò che ha preparato la mamma. Diventi – perdonatemi se insisto – un impegno in questo Avvento: a pranzo o a cena iniziamo con il ringraziare il Signore per la gioia di stare insieme, ma anche per ricordare chi manca o per il lavoro o per gli impegni importanti, per lo studio, per una malattia…
Una famiglia si riconosce a tavola. Insieme, allora, lodate e ringraziate il
Signore… Non è un’abitudine passata di moda… È il voler esprimere la gioia
di ritrovarsi e volersi bene e per questo lodare e benedire Dio che é Famiglia, Amore trinitario tra il Padre, il Figlio e lo Spirito Santo.
Riuscirete in Avvento a riprendere questa bella consuetudine?
Ma, Nazareth è anche la città dell’Annunciazione ed il pensiero va, inevitabilmente, a Maria che è Madre della Santa Famiglia e Madre nostra. Da Nazareth prego per voi e con voi.
Guardando Maria, credo che visitare, incontrare, farsi uno… siano un po’
le azioni che dovrebbero ispirare e muovere le giornate di questo tempo
propizio per lo spirito e vitali per la nostra esperienza familiare; sì, perché
nella famiglia il tempo dell’attesa è una costante che esplicita non l’atteg-
giamento passivo di colui che si ferma ed attende, ma è la dimensione che
attraversa la nostra esperienza familiare. L’attesa del figlio da parte dei genitori; l’attesa di un parente o di un amico che viene a farci visita; l’attesa
dell’esito di un esame o di un colloquio di lavoro; l’attesa di un incontro;
l’attesa di una bella notizia; l’attesa del perdono. L’attesa…
Il tempo dell’attesa è sempre un tempo di speranza, di tensione dell’animo
verso ciò che è meglio per la persona e per la comunità.
Maria ha vissuto il tempo dell’attesa riscoprendo il suo dover essere ossia il
suo essere per l’altro, vivendo i gesti quotidiani con spirito nuovo, lo spirito
di amore e di servizio.
E ora fermiamoci a pregare
Dal Vangelo di Luca (1,39-45)
In quei giorni Maria si alzò e andò in tutta fretta verso la regione montuosa,
in una città di Giuda. Entrata nella casa di Zaccaria, salutò Elisabetta. Appena Elisabetta ebbe udito il saluto di Maria, il bambino sussultò nel suo grembo. Elisabetta fu colmata di Spirito Santo ed esclamò a gran voce: “Benedetta tu fra le donne e benedetto il frutto del tuo grembo! A che cosa devo che la madre del mio Signore venga da me? Ecco, appena il tuo saluto è giunto ai miei orecchi, il bambino ha sussultato di gioia nel mio grembo. E beata colei che ha creduto nell’adempimento di ciò che il Signore le ha detto”.
Meditiamo. È un episodio che aiuta a ri-leggere con una luce del tutto particolare il mistero dell’incontro dell’uomo con Dio. Un incontro che non
è all’insegna di strabilianti prodigi, ma piuttosto all’insegna della fede e della carità. Maria, infatti, è beata perché ha creduto: l’incontro con Dio è frutto della fede. Zaccaria invece, che ha dubitato e non ha creduto, è rimasto sordo e muto per poter crescere nella fede durante il lungo silenzio. Senza fede si resta inevitabilmente sordi alla voce consolante di Dio ed incapaci di pronunciare parole di consolazione e di speranza per i nostri fratelli. E questo, a volte, accade anche a casa, in famiglia perché chi non ha fede accostandosi a chi soffre o si trova in difficoltà, pronuncia solo parole di circostanza, senza arrivare al cuore. La fede, a sua volta, si alimenta nella carità, difatti Luca racconta che «Maria si alzò e andò in tutta fretta» da Elisabetta: in fretta, non in ansia; in fretta, nella pace. Quel “si alzò” è un gesto pieno di premura. Avrebbe potuto rimanere a casa per preparare la nascita di suo figlio, invece si preoccupa prima degli altri, dimostrando di essere già discepola di quel Maestro che porta in grembo. L’evento della
nascita di Gesù è iniziato così, con un semplice gesto di carità che, se
autentica, è sempre frutto dell’amore di Dio. Con questo gesto Maria  non porta Gesù solo nel grembo ma lo dona al mondo. Preghiamo il Signore perché ci aiuti a magnificarlo con lo spirito e il cuore di Maria
e a portare ogni giorno Gesù nella nostra famiglia.
L’anima mia magnifica il Signore e il mio spirito esulta in Dio, mio salvatore, perché ha guardato l’umiltà della sua serva.
D’ora in poi tutte le generazioni mi chiameranno beata.
Grandi cose ha fatto per me l’Onnipotente e Santo è il suo nome; di generazione in generazione la sua misericordia per quelli che lo temono.
Ha spiegato la potenza del suo braccio, ha disperso i superbi nei pensieri del loro cuore; ha rovesciato i potenti dai troni, ha innalzato gli umili;
ha ricolmato di beni gli affamati, ha rimandato i ricchi a mani vuote.
Ha soccorso Israele, suo servo, ricordandosi della sua misericordia, come aveva detto ai nostri padri, ad Abramo e alla sua discendenza, per sempre.
Riflettiamo In questo Tempo di attesa chiediamoci:
o A che cosa, in questo tempo della mia vita, è proteso il mio cuore?
o Che cosa attendiamo insieme?
o Che cosa unisce le nostre aspirazioni? Che cosa le accomuna?
o Lo meditiamo recitando il Rosario?
La Vergine Maria ci ottenga la grazia di vivere un tempo dell’attesa estroverso: non ‘io’ al centro ma il ‘Tu’ di Gesù e dei fratelli, soprattutto di coloro che sono in difficoltà ed hanno bisogno di aiuto per lasciare spazio all’Amore che, anche oggi, vuole farsi carne e venire ad abitare in mezzo a noi.
(Papa Francesco)
Vi abbraccio uno per uno e benedico la vostra famiglia.
Buon cammino d’Avvento. Insieme a tavola, verso il Natale del Signore.
dalla Terra Santa, 18 novembre 2019

Speedy Shop Roma

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here