martedì, Aprile 16, 2024
HomeSvago e Tempo LiberoLibriStati generali della cultura

Stati generali della cultura

Appuntamento giovedì 9 novembre alla Biblioteca Acclavio con Luigi De Luca e La cultura non basta

 

 

Appuntamento con gli Stati generali della culturaTerritorio, parola e bellezza, giovedì, 9 novembre, presso la Biblioteca Acclavio, in compagnia di Luigi De Luca, autore del libro La cultura non basta – Contro l’industria della cultura, per un’arte di comunità, Edizioni dell’asino.

 

 

 

 

 

 

Un’occasione per riflettere sull’industria culturale, sulla forza delle comunità, sui bisogni dell’essere umano e sui mercati.

Stati generali della culturaTerritorio, parola e bellezza è un processo partecipato e frutto, a sua volta, del progetto La Restanza – La resilienza di chi resta, nato già nel 2019 con la I edizione del Festival di Poesia e Letterature del Mediterraneo. La Restanza è un progetto di rigenerazione di comunità con l’obiettivo di progettare attraverso la cultura, le arti, i mestieri e soprattutto la parola, una nuova visione di città dialogante e protagonista del proprio sviluppo economico- sociale e turistica.  Attraverso la parola, l’obiettivo era – e rimane – dare spazio alle persone, alle memorie e ai  luoghi per costruire la “comunità di destinazione universale”.

La parola diventa ponte e si tramuta in azione.

L’attuale edizione de La restanza è sostenuta da POR PUGLIA 2014-2020 – Asse VI – Azione 6.8 – Piano Strategico del Turismo – Asse VI – Azione 8 “Interventi per il posizionamento competitivo delle destinazioni turistiche” – “Palinsesto unico e promozione del territorio e delle sue eccellenze”.

Ripartire dai luoghi e dalla nostra storia, promuovere le nostre eccellenze, dunque, rimane uno dei degli obiettivi del progetto.

Pertanto, questo secondo appuntamento non poteva che svolgersi in uno dei luoghi simbolo della città e baluardo della cultura, degli scambi e della parola: la Biblioteca Acclavio.

Nella stessa direzione è orientata la scelta dei professionisti che, nel corso degli appuntamenti, si confronteranno e metteranno a disposizione di tutti, della comunità, i propri saperi.

Necessaria, allora, la partecipazione di Luigi De Luca, rinomato studioso che, dopo gli studi in Semiologia a Bologna, ha deciso di tornare in Puglia, dove è poi approdato alla carriera pubblica.

De Luca si è occupato di teatro, cinema, musei, biblioteche e cooperazione euro-mediterranea. La gestione del patrimonio culturale in una prospettiva di cooperazione territoriale è il campo nel quale si colloca il suo impegno attuale.

L’evento inizierà alle ore 17:30 con i saluti istituzionali di Gianluigi Pignatelli.

A dialogare con l’autore il giornalista tarantino Giuseppe Mazzarino.

Interventi:

  • L’esperienza dell’arte contemporanea per un progetto di comunità di Giulio De Mitri, artista e presidente del CRAC Puglia
  • Il valore del dialetto di Silvia Quero, scrittrice e storica
  • Un territorio da rigenerare di Nello De Gregorio, presidente Ass. Nobilissima Taranto

L’evento, libero e gratuito, confluisce nella IV edizione del Festival di Poesia e Letterature del Mediterraneo.

Designer cultural for community è, invece, di Tiziana Magrì, giornalista pr, e già direttrice del festival.

Dalla quarta di copertina di La cultura non basta:

La più grande trasformazione sociale che l’umanità ha vissuto è stato il crollo delle comunità locali, determinato dalla rivoluzione industriale e dall’avanzata del capitalismo. Lo stato e il mercato hanno soppiantato i tradizionali legami di solidarietà costitutivi della comunità. Lo stato attraverso i suoi funzionari e il mercato attraverso la propaganda hanno ridisegnato l’universo dei bisogni e delle aspettative di una umanità privata degli ancestrali punti di riferimento e trasformata in massa amorfa. L’industria culturale fornì ai mercati formidabili strumenti di manipolazione della volontà degli uomini, così come una nuova classe di funzionari, docenti, impiegati, assistenti sociali, tutori dell’ordine costituito accreditavano l’idea che i confini della società, i bisogni degli uomini come i loro sogni coincidesse con i confini dello stato.

Il riparo cauto nelle case e dietro le mascherine non è bastato contro lo spaesamento e la paura che ci ha colti durante la recente pandemia. Dopo aver percepito l’incertezza di come sarebbe diventato il mondo, ne siamo venuti fuori davvero migliori, come speravamo? Ci è mancato un antidoto all’isolamento, un immaginario possibile e sostenibile per l’animo umano, un sentirsi comunità capace di dare risposte collettive alle attese di futuro.

Articolo precedente
Prossimo articolo
Articoli Correlati

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome qui

Post Popolari

Commenti recenti

Verified by MonsterInsights