venerdì, Dicembre 9, 2022
HomeAttualitàLavoroPRIMO MAGGIO- GN LECCE

PRIMO MAGGIO- GN LECCE

CONTRO LA SVENDITA DELLE NOSTRE IMPRESE. DIFENDIAMO IL LAVORO E IL PRODOTTO ITALIANO.

 

I paesi europei, e l’Italia è nostro malgrado uno dei “migliori” esempi in tale senso, sono ormai privi di sovranità e potere decisionale. Lobbies e poteri forti internazionali dettano l’agenda politica sui temi più importanti, tra cui il lavoro. È così per il nord dello Stivale, motore trainante dell’economia tricolore, lo è ancor di più per il nostro Sud, tristemente dimenticato e sempre più abbandonato a se stesso e in difficoltà.

I dati I.S.T.A.T. del 2017 hanno rilevato che il tasso di disoccupazione medio del Mezzogiorno è del 19,4 % e che per il nostro Salento si raggiungono punte del 22,5%. Numeri che seguono i tristi record del 2016 quando in Puglia la crescita della povertà toccò il 7,5%, seconda solo alla Sicilia.

Quasi una famiglia su due è a rischio e la natura di quel 22,5% è prettamente giovanile. La povertà, causata dall’assenza di lavoro, ha portato ad una catastrofica diminuzione delle nascite e il combinato disposto di questo problema, con l’esodo dei nostri giovani al Nord o -peggio- all’estero, fa del Sud -e in particolar modo del Salento- una terra senza prospettive.

È come ci fosse ormai rassegnazione nel tacco d’Italia: in particolare gli studenti hanno smesso di credere in questo Paese. È quindi giunto il momento di dire basta!

“Dobbiamo smettere di essere succubi delle banche e dell’alta finanza- spiega Donato Carbone, Presidente Provinciale di Gioventù Nazionale Lecce- dobbiamo smettere di parlare male senza lottare. È ormai necessario e non più procrastinabile creare soluzioni valide e reali per cambiare veramente le cose nel Mezzogiorno. Gettare le basi di una politica economica lungimirante che guardi al futuro dei prossimi 10/15 anni. Non servono interventi palliativi, servono una visione ed un cambiamento culturale radicale. Gli incentivi fiscali devono mirare a facilitare le assunzioni, le imprese devono essere tutelate per poter competere a livello europeo, e devono poterlo fare qui, in Italia, al Sud, salvaguardando ed esaltando in primis i prodotti italiani.”

“In questo primo Maggio -conclude Carbone- battiamoci per la nostra terra e per il lavoro degli italiani.”

Articolo precedente
Prossimo articolo
RELATED ARTICLES

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome qui

Most Popular

Recent Comments

Alba Contino on La poesia di Alba Contino