test
sabato, Giugno 22, 2024
HomeBrindisiFrancavilla FontanaPremio Sviluppo Sostenibile

Premio Sviluppo Sostenibile

Importante riconoscimento per il Comune di Francavilla Fontana

 

Per l’integrazione degli strumenti di pianificazione urbana, l’estensione della ZTL e dell’area pedonale, il servizio di noleggio gratuito “adotta una bici!”, un percorso ciclopedonale, un bonus bici.” Con questa motivazione il Comune di Francavilla Fontana si è aggiudicato, per la sezione dedicata alla mobilità, il Premio Sviluppo Sostenibile 2023 istituito dalla Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile e da Ecomondo-Italian Exhibition Group con il patrocinio del Ministero dell’Ambiente e della Sicurezza Energetica.

 

 

 

 

 

Siamo particolarmente orgogliosi per questo riconoscimento. Il percorso che abbiamo avviato – commenta il Sindaco Antonello Denuzzo – è in linea con le esigenze di una Città moderna capace di mettere al centro delle politiche di mobilità la persona. È un cambio di visione importante che, in particolare nel nostro meridione, fatica ad affermarsi ma che rappresenta l’unica strategia possibile per rendere le nostre Città più attrattive e vivibili.

 

 

 

 

 

Il riconoscimento è stato consegnato nelle mani dell’Assessore Sergio Tatarano nel corso della cerimonia di premiazione avvenuta a Rimini giovedì 9 novembre nel corso della Fiera Ecomondo. Francavilla Fontana è l’unico Comune pugliese ad aver ottenuto questo riconoscimento. Le altre Città premiate per le politiche sulla mobilità sono state Bergamo, Legnano e Cagliari.

Gli sforzi compiuti in questi anni a Francavilla Fontana – conclude l’Assessore Tatarano – vengono ancora una volta premiati con un riconoscimento prestigioso che testimonia come non soltanto si possa, ma anzi si debba, scrivere un modello nuovo, più sostenibile e democratico di Città, fatto di pianificazione ed attenzione per tutte e tutti. È una gratificazione che ci spinge a proseguire nel nostro lavoro quotidiano.

La Commissione che ha selezionato i vincitori è composta da Edo Ronchi, Presidente di Commissione già Ministro dell’Ambiente e autore della prima legge quadro italiana sulla regolamentazione del settore dei rifiuti, Alessandra Bailo Modesti, Massimo Ciuffini e Carla
Messina.

Articolo precedente
Prossimo articolo
Articoli Correlati

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome qui

Post Popolari

Commenti recenti

Verified by MonsterInsights