venerdì, Gennaio 27, 2023
HomeAttualitàPoliticaPuglia, transizione ecologica e mezzi elettrici

Puglia, transizione ecologica e mezzi elettrici

De Lorenzis (M5s): “In Puglia in aumento vendita mezzi elettrici

Moto e scooter elettrici, aumentano le vendite in Italia ma è ancora alto il gap fra il Nord e il Sud. È quanto emerge dai dati pubblicati da Confindustria Ancma (Associazione Nazionale Ciclo Motociclo Accessori), l’associazione di categoria che riunisce tutte le principali aziende italiane produttrici di moto e scooter. In Puglia sono ancora bassi i numeri delle vendite, seppur in rialzo nel primo semestre del 2022 rispetto agli anni precedenti. Per fare un confronto: in tutto il 2020 in Puglia sono stati venduti appena 57 scooter e moto elettriche (prima la provincia di Bari con 20, segue quella di Lecce con 15), mentre in Lombardia 3.621. In Liguria 417. Il trand, come si diceva, è salito nell’anno successivo: nel 2021 in Puglia sono stati venduti 113 moto e scooter elettriche (si conferma Bari al primo posto con 41, segue Lecce con 39, poi Taranto con 10, la Bat con 9, infine Foggia e Brindisi, rispettivamente con 8 e 6 mezzi venduti). Numeri bassi, quelli pugliesi, anche rispetto alle altre regioni del Sud: nello stesso anno in Sicilia sono stati venduti 308 mezzi e in Campania 251. Ma nell’ultimo anno c’è un segnale di cambiamento, un’inversione di rotta. La risalita dei numeri, infatti, è confermata anche per il primo semestre del 2022, evidentemente un segnale di presa di coscienza del consumatore verso questo mezzo di trasporto: solo nei primi 6 mesi del 2022 sono stati venduti 136 mezzi in Puglia (la provincia di Lecce e quella di Bari si contendono il primato con 47 mezzi venduti, segue Taranto con 14, Brindisi con 11, Foggia con 10 e infine Bat con 7). Al riguardo interviene Diego De Lorenzis, deputato del M5s e membro della commissione trasporti, che annuncia l’arrivo di nuovi incentivi per l’acquisto di mezzi elettrici. “Come dimostrano i dati diffusi da Ancma (Associazione nazionale ciclo motociclo accessori) sono sempre di più i cittadini che scelgono scooter e veicoli a zero emissioni per gli spostamenti in città. Il trand è in risalita anche in regioni, come la Puglia, che fino a due anni fa presentava numeri molto bassi di vendita – dichiara De Lorenzis – e sono in arrivo nuovi incentivi per l’acquisto di scooter e moto elettrici. La mobilità elettrica è un passo decisivo per la transizione ecologica. Il M5s si è sempre battuto in parlamento per garantire tutto il sostegno necessario allo sviluppo del settore. Con un emendamento al decreto Semplificazioni Fiscali siamo riusciti ad aggiungere altri 20 milioni di euro ai 15 precedentemente stanziati per gli incentivi destinati all’acquisto di scooter e moto elettrici – prosegue il deputato – quello ottenuto alla Camera è un risultato importante che va nella direzione di agevolare la transizione ecologica e la decarbonizzazione dei trasporti. Spingere la mobilità a zero emissioni è particolarmente importante nell’attuale contesto che stiamo affrontando. Infatti, ridurre l’utilizzo dei motori a combustione significa anche dare un contributo all’indipendenza energetica del nostro Paese e risparmiare combustibile per altre necessità”. Il riferimento è ovviamente alla crisi ucraina, che ha evidenziato la dipendenza dell’Italia nei confronti degli approvvigionamenti energetici della Russia. Per De Lorenzis, dunque, la mobilità elettrica rappresenta un’opportunità anche per il tessuto economico. “La transizione ecologica rappresenta la più grande opportunità per il nostro sistema industriale ed economico. Il nostro Paese ha bisogno di un piano strutturale che sappia sostenere la conversione dei trasporti verso l’elettrificazione e cogliere l’opportunità di giocare un ruolo da protagonista in un mercato destinato a una crescita esponenziale. Per questo vanno potenziati gli investimenti e il sostegno alle imprese che operano in un comparto anche al fine di riconvertire le filiere e riqualificare il personale, trasformando l’attuale scenario di crisi per alcune aziende in possibilità di rilancio e di nuova occupazione” conclude De Lorenzis.

RELATED ARTICLES

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome qui

Most Popular

Recent Comments