martedì, Febbraio 7, 2023

Oleoturismo

Presentato il libro “Oleoturismo” di Dario Stefàno e Fabiola Pulieri

Presentato a Roma, presso la Sala Zuccari di Palazzo Giustiniani (Via Dogana Vecchia 29) il libro Oleoturismo – Opportunità per imprese e territori (Agra Editrice) di  Dario Stefàno, padre della norma sull’oleoturismo, e Fabiola Pulieri, giornalista, ed ahnno dialogato con Massimiliano Ossini, conduttore Rai. E’ intervenuta Roberta Garibaldi, autrice del Rapporto sul turismo enogastronomico italiano.

Il libro si caratterizza per essere nella sua completezza il primo testo dedicato al turismo dell’olio. Una guida utile non solo per i produttori olivicoli che vi possono trovare indicazioni e idee su come sviluppare la propria attività, ma anche per tutti coloro che sono interessati a mettersi in viaggio alla scoperta dei territori in cui l’olio di oliva si produce, alle aziende già attive nel settore oleoturistico con musei, frantoi ipogei e per conoscere i produttori e partecipare a degustazioni e iniziative in paesaggi e borghi di rara bellezza.

“L’olio – commenta Dario Stefàno  – così come il vino, esercita un appeal incredibile nei confronti dei turisti enogastronomici e i numeri confermano le incredibili potenzialità di un Paese come l’Italia che in tema di olio è tra i leader mondiali. L’oleoturismo mette a valore una tradizione che in Italia, insieme al vino, vanta un patrimonio inestimabile di autoctonie, varietà e territori, integrando perfettamente quel tipo di offerta turistica esperienziale sempre più rispondente alle esigenze di turisti e viaggiatori che vogliono scoprire gli angoli più autentici del nostro Paese. L’oleoturismo può diventare una sorta di “secondo raccolto” per gli olivicoltori, integrando dunque il settore primario con il terziario. È questa la dimensione e la sfida a cui l’agricoltura moderna ci chiama”.

Da parte sua, Fabiola Pulieri sottolinea: “L’oleoturismo è l’occasione per riscoprire la  cultura millenaria e la storia che si cela nei patriarchi, piante di migliaia di anni, perderci nei cunicoli sotterranei degli antichi Frantoi Ipogei in Puglia o apprezzare l’olio direttamente in una degustazione nei luoghi di produzione. La legge sull’oleoturismo rappresenta una grande opportunità per i produttori, ma occorre nei territori ‘fare rete‘ per superare la difficolta delle limitate dimensioni aziendali che caratterizzano il settore”.

RELATED ARTICLES

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome qui

Most Popular

Recent Comments