venerdì, Gennaio 27, 2023
HomeLecce & ProvinciaComune di San Cesario di LecceMercoledì 9, sabato 12 e martedì 15 marzo - Spiriti liberi alla...

Mercoledì 9, sabato 12 e martedì 15 marzo – Spiriti liberi alla Distilleria De Giorgi di San Cesario di Lecce

DAL 9 MARZO LA DISTILLERIA DE GIORGI DI SAN CESARIO DI LECCE OSPITA TRE APPUNTAMENTI CON “SPIRITI LIBERI”.


Nella Distilleria De Giorgi di San Cesario di Lecce prosegue il processo partecipativo che Astràgali Teatro ha avviato per rilanciare in maniera ancora più forte, efficace ed inclusiva le attività di uno dei più interessanti e imponenti monumenti dell’archeologia industriale del Sud Italia. Dopo la prima giornata di riflessione aperta a cittadine e cittadini, associazioni e imprese, mercoledì 9sabato 12 martedì 15 marzo, nell’ambito della rassegna “Teatri a Sud”, ideata e promossa da Astràgali con il sostegno del Ministero della Cultura, tre appuntamenti dedicati agli “Spiriti liberi” che dal piccolo comune salentino si muovono verso la propria comunità, oltrepassandone i confini.

Mercoledì 9 marzo (ore 20:30 – ingresso libero) la prima serata ospiterà “Un ceffone ben assestato“, un monologo di e con l’attore, autore, regista e poeta Luigi Pascali e “Le mie storie paesane” del cantastorie Enzo Marenaci.

Un ceffone ben assestato” è una testimonianza sul tema della violenza sulle donne. Un uomo prova a narrare uno dei tanti drammi dal punto di vista della vittima. Cerca di immedesimarsi, per quanto possibile, nella posizione di chi subisce violenza ripercorrendone le vicissitudini, le sensazioni, la sofferenza, fino all’estremo epilogo ed oltre. Senza la pretesa di capire fino in fondo la devastazione di chi subisce questo genere di “cose”, vuole essere un tentativo di sensibilizzare, ancora una volta, mai abbastanza, le coscienze di ognuno di noi. Una sorta di “omaggio”, un chiedere scusa (per quanto possano valere le scuse) a tutte le vittime di questo odioso crimine. Enzo Marenaci è un cantastorie, così si autodefinisce, sempre sospeso fra le pieghe dell’ironia per una terra orfana della civiltà contadina e priva ormai di una identità culturale. Non un cantore nostalgico, ma un archivista di memoria personale e di memorie collettive. Nel suo ultimo lavoro dal titolo “Rretecate” (radici in dialetto del nord salento)  il cantastorie è sempre sospeso fra culacchi popolari e storie vere, crude che “lu scuernu” dei paesi tende a nascondere sotto le “chianche” di pietra leccese”.

 
Sabato 12 marzo (ore 20:30 – ingresso libero) la serata si aprirà con l’intervento sulle “Esperienze artistiche del ‘900 a San Cesario” a cura di Giovanni Valletta, docente di Storie dell’arte e responsabile del Museo Civico di San Cesario di Lecce. A seguire “Alchimie” con la voce di Serena Corrao e la musica della flautista MariaSole De Pascali e del  polistrumentista, compositore, improvvisatore e sound artist Adolfo La Volpe. Parola poetica e musica per innescare l’incendio delle energie. Quelle che trasmutano i materiali dell’esistenza, freddi, opachi, tumultuosi, nell’oro degli orizzonti pacificati, nel cristallo delle acque placide, dove la lotta finalmente si arresta, l’odio si disinnesca, la guerra lascia terreno alla pace del perdono.
 
Martedì 15 marzo (ore 20:30 – ingresso libero), dopo l’omaggio all’artista Ezechiele Leandro del poeta e ricercatore Simone Giorgino, il cantautore Beppe Elia con Astragalopatia.
RELATED ARTICLES

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome qui

Most Popular

Recent Comments