giovedì, Febbraio 29, 2024
HomeIN ARRIVO 35 MILIONI DI EURO PER I FRANTOI DANNEGGIATI DALLA XYLELLA
Array

IN ARRIVO 35 MILIONI DI EURO PER I FRANTOI DANNEGGIATI DALLA XYLELLA

PUGLIA, L’ABBATE (IPF): IN ARRIVO 35 MILIONI DI EURO PER I FRANTOI DANNEGGIATI DALLA XYLELLA

 

 “I frantoi oleari della Puglia potranno presto contare sugli aiuti previsti dal ‘Piano di intervento per il rilancio del settore agricolo e agroalimentare nei territori colpiti dalla Xylella’. È stato, infatti, pubblicato in Gazzetta Ufficiale il decreto del Ministero delle Politiche agricole che provvede a stabilire le modalità con cui i frantoiani riceveranno i contributi pari a 35 milioni di euro, a valere sui 300 milioni previsti per l’intero piano”. Lo rende noto il deputato pugliese Giuseppe L’Abbate, esponente di “Insieme per il Futuro”.

“Entro i prossimi 30 giorni, Agea (Ente per le erogazioni in agricoltura del Mipaaf) stabilirà modalità e procedure per le attività di ricognizione preventiva e per l’erogazione dell’aiuto per quei frantoi oleari che abbiano subito un decremento di produzione di olive per la campagna 2019-2020 – aggiunge L’Abbate – rispetto al quantitativo medio del biennio 2012-13. Per fine anno, invece, sarà calcolato l’aiuto riferito alla campagna di commercializzazione 2020-2021. Ogni beneficiario potrà ottenere un contributo massimo pari a 200mila euro”.

“A causa del diffondersi della Xylella fastidiosa, molti frantoi oleari pugliesi hanno ridotto o addirittura interrotto l’attività molitoria – prosegue il deputato IpF – Questi sostegni, su cui ho lavorato sin dal Decreto Emergenze in Agricoltura del 2019 dove furono stanziati altri 8 milioni di euro a fronte del calo dovuto alle eccezionali gelate del 2018, verranno accompagnati dalla misura prevista dal Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza per il rilancio infrastrutturale e l’ammodernamento dei frantoi”.

“Si tratta di un’occasione unica di rilancio e innovazione per essere sempre più competitivi e al passo coi tempi su uno dei prodotti d’eccellenza dell’agroalimentare made in Italy” conclude L’Abbate (IpF).

Articoli Correlati

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome qui

Post Popolari

Commenti recenti

Verified by MonsterInsights