lunedì, Aprile 22, 2024
HomeSenza categoria“DNA ORIGINI E CONTAMINAZIONI DELLA CUCINA ITALIANA” È IL TEMA DELLA SETTIMA...

“DNA ORIGINI E CONTAMINAZIONI DELLA CUCINA ITALIANA” È IL TEMA DELLA SETTIMA EDIZIONE DI FOODEXP

Cultura culinaria e managerialeformazioneintrattenimento e convivialità: tutto pronto a Lecce per la settima edizione di FoodExp. Dopo la Welcome Dinner (posti esauriti) al Classé Restaurant – La dogana di martedì 2 aprile, mercoledì 3 e giovedì 4 (ore 10/18 – ingresso libero – pranzi, cene e degustazioni a pagamento) il Chiostro dei Domenicani accoglierà il ricco programma del Forum Internazionale dell’enogastronomia e dell’ospitalità alberghiera che ogni anno porta nel Salento le protagoniste e i protagonisti della ristorazione e dell’hotellerie italiana e internazionale. Ideata e organizzata da Sinext di Giovanni Pizzolante, con il sostegno dell’Agenzia PugliaPromozione della Regione Puglia, in collaborazione con Comune di LecceCCIAA LecceConfcommercio Lecce e con il supporto di numerosi partner pubblici e privati, la manifestazione è dedicata al tema “DNA Origini e contaminazioni della cucina italiana“. Quasi 100 ospiti tra chefmaîtrerestaurant managerbartendersommelieramministratorigiornalisticreativiformatori e comunicatori si incontreranno e confronteranno per raccontare l’identità contemporanea e i possibili scenari futuri della cultura gastronomica e culinaria del nostro Paese.

Prima di entrare nel vivo di FoodExp, la Welcome Dinner vedrà alternarsi Ivan Tronci (chef resident), il turco Maksut Askar (Neolokal *Michelin – Istanbul), il colombiano Roy Caceres (Orma *Michelin – Roma), Riccardo Forapani (Il Cavallino – Maranello), Antonio Zaccardi (Pashà *Michelin – Conversano) e il bartender Afonso Califano (Cinquanta Spirito Italiano – Pagani).

Mercoledì 3 aprile la giornata si aprirà alle 10:30 nella sala Talk con l’incontro inaugurale, moderato dalla giornalista Barbara Politi, con Giovanni Pizzolante (ideatore e organizzatore FoodExp) e Aldo Patruno (Direttore generale del Dipartimento Turismo, Economia della Cultura e Valorizzazione del Territorio della Regione Puglia). A seguire si parlerà di DNA – Origini e contaminazioni della cucina italiana con, tra gli altri, gli chef Diego RossiDavide Di Fabio e Riccardo CanellaDalle 12 spazio alla presentazione della S.Pellegrino Young Chef AcademyAlle 15 l’incontro “Traghettare le imprese dell’ospitalità nel futuro tra sostenibilità, IA e logistica avanzata: quali le nuove figure su cui puntare”. Nell’ultimo talk si parlerà delle Opportunità del turismo gastronomico per la Puglia come destinazione. I Teatri Cook si apriranno alle 11 con l’atteso intervento dello chef colombiano Roy Caceres e proseguiranno per tutta la giornata con Chiara Pavan Francesco BruttoPietro PennaRiccardo ForapaniGuido Paternollo. La Sala Teatro Pizza & Mixology ospiterà gli chef Paolo GriffaCiccio Vitiello Alfonso Califano e Natale Palmieri che spiegheranno come trasformare i cocktail in ospitalità. Il giardino sarà dedicato al Teatro Grill & Bbq con Alfredo De Luca della Taverna del porto di Tricase e Matteo RomanoMartina Tramis e Francesco Pellegrino del Lilith di VanzeDalle 11 la sala Project work accoglierà la presentazione agli Istituti alberghieri di Puglia di due realtà d’eccellenza come Congusto Institute e Alma – Scuola Internazionale di cucina italianaDalle 15 invece le interviste del magazine Grande Cucina. Sotto il porticato il pubblico troverà i banchi d’assaggio “Only the Best” mentre al centro del Chiostro, nella rinnovata area di FoodExp Gourmet si alterneranno sei ristoranti pugliesi con tre turni di preparazione e degustazione dei piatti. Alle 12:45 il primo appuntamento dei Memorabili con il pranzo dello chef Alberto Gipponi (ristorante Dina – Gussago). In serata a Torre del Parco la cena “I soliti cretini” (posti esuariti) vedrà ai fornelli gli chef Diego Rossi (Trippa – Milano), Francesco Brutto e Chiara Pavan (Venissa **Michelin – Mazzorbo), Riccardo CanellaDomingo Schingaro (Due Camini *Michelin Borgo Egnazia, Savelletri) e Franco Pepe (Pepe in grani – Caiazzo).

 
Giovedì 4 aprile la giornata finale prenderà il via alle 11 nella sala talk con l’incontro Ridurre le distanze tra scuola e lavoro: l’apprendistato duale per una formazione ad alta professionalità. Alle 12 si parlerà del Sistema terziario professionalizzante: risposta concreta alle richieste del mercatoAlle 12:45 l’incontro “Coltelli, post e pos: strumenti digital e tech per la ristorazione”. Nel pomeriggio dalle 15 spazio a “La sala del futuro: tra tecnologia e servizio su misura”. Alle 16 si discuterà delle “Sfide e opportunità del cambio generazionale nell’industria alberghiera”Alle 17 gran finale in sala talk con il “Background gustativo” di Floriano Pellegrino e Isabella Potì (Chef Bros’ *Michelin – Lecce) che dialogheranno con Carlo Passera. Nei vari appuntamenti del Teatro Cook si alterneranno gli chef Davide Di FabioEdoardo TraversoMassimo Piccolo con Monograno FelicettiStefano ScarsoMaksut AskarRiccardo Canella. La sala Teatro Pizza & Mixology ospiterà gli chef Denis LovatelGianni Di Lella e Richard Abou Zaki e, nel pomeriggio, Giulia Caffiero. Il giardino sarà dedicato al Teatro Grill & Bbq con Cosimo Russo e Valentina Rizzo. La project room accoglierà in mattinata la preview della terza edizione del Festival di Gastronomika. Nel pomeriggio una tavola rotonda a cura della Regione Puglia su Mappare i fabbisogni di competenze nell’enogastronomia e nell’ospitalità contemporanea, per un’evoluzione consapevole e sostenibile del settore turistico. Al centro del Chiostro, nella rinnovata area di FoodExp Gourmet, moderata da Barbara Politi, si alterneranno cinque ristoranti pugliesi con tre turni di preparazione e degustazione dei piatti. Alle 12:45 appuntamento conclusivo dei Memorabili con il pranzo, introdotto da Paolo Marchi, dello chef Domenico Schingaro (Due Camini *Michelin Borgo Egnazia, Savelletri). A chiudere l’edizione 2024 di FoodExp, sarà il Gala Dinner al Chiostro dei Domenicani con Davide Di Fabio (Dalla Gioconda **Michelin – Gabicce Monte), Alberto Gipponi (ristorante Dina – Gussago), Matteo Baronetto (Del Cambio *Michelin – Torino), Angelo Sabatelli (ristorante Angelo Sabatelli *Michelin Putignano) e Donato Episcopo (Gimmi Chiostro dei Domenicani – Lecce).


«Tutte le regioni affacciate sul Mediterraneo rivelano quanto l’incontro tra popoli diversi abbia lasciato in eredità nel linguaggio, nella cucina, nelle usanze, nella musica. L’Italia è da sempre a contatto diretto con genti provenienti da luoghi lontani. Questa storia ha arricchito l’identità culturale del territorio e ha segnato in modo inequivocabile il DNA della nostra cucina», sottolinea Giovanni Pizzolante, ideatore e organizzatore della manifestazione. «Con FoodExp 2024 desideriamo spalancare lo sguardo sulle profonde trasformazioni che il patrimonio culinario del Bel Paese ha subito, negli ultimi decenni, anche a fronte di fattori quali globalizzazione, intensi movimenti migratori, rapido superamento delle distanze: oggi nelle cucine d’Italia si parlano tutte le lingue del mondo e i cuochi sono viaggiatori pronti a riportare in patria tecniche, ingredienti, abbinamenti ispirati a terre lontane. Sempre di più, nel fine dining ma non solo, le ricette della tradizione evolvono e si rinnovano e il modo di vivere la convivialità si modifica; con FoodExp vogliamo scattare una fotografia della cucina italiana contemporanea e delineare con i nostri ospiti i possibili futuri scenari».

Main sponsor di Foodexp 2024 sono Agugiaro & FignaAcqua Panna – S. PellegrinoFelicettiBerlucchiBerto’sParmigiano ReggianoParmalat linea ProfessionalBanca Popolare PuglieseNovaleasAIS LecceChiostro dei Domenicani.

Articoli Correlati

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome qui

Post Popolari

Commenti recenti

Verified by MonsterInsights