Tap, il country manager contro la Regione

0
242

Tap, il country manager contro la Regione

Sbloccare al più presto le autorizzazioni per i lavori, senza nascondersi dietro il problema degli ulivi., Il country manager di Tap Italia Michele Elia, dopo il dibattito nel Consiglio Regionale della Puglia non usa mezzi termini: “Mi fa molto piacere apprendere che è una balla che la Regione Puglia abbia bloccato i lavori di TAP a causa degli ulivi. Ci aspettiamo dunque che domattina sia rilasciata l’autorizzazione fitosanitaria allo spostamento delle piante da noi chiesta già il 28 novembre scorso dopo che per mesi abbiamo dovuto aspettare una verifica di ottemperanza ritardata per motivi alla fine rivelatesi inesistenti”.

Elia fa una precisazione anche sui “carotaggi geologici”, presumibilmente i sondaggi non invasivi in corso a mare: “Sono finalizzati alla definizione del progetto esecutivo relativo a prescrizioni che nella migliore delle ipotesi dovranno essere ottemperate tra un anno e, appunto, non c’entrano niente con lo spostamento degli ulivi. Spostamento che è prassi comune nel Salento, come attestano i circa 100mila alberi movimentati negli ultimi anni, a detta degli uffici regionali, compresi quelli spostati per consentire la costruzione di 35 km di condotte dell’Acquedotto Pugliese tra Salice Salentino e Seclì”.

E infine un’altra stoccata nei confronti di Emiliano: “Ci permettiamo infine di avere un’altra idea del rapporto tra gli organi dello Stato e un’impresa impegnata nella realizzazione di una importante infrastruttura: non ci sono professori con la bacchetta e allievi impreparati ma parti che collaborano per realizzare nel più pieno rispetto dell’ambiente un progetto strategico per l’Italia e per l’Europa, della cui importanza, ad esempio ai fini dei suoi meritori piani di decarbonizzazione, anche il presidente Emiliano è pienamente consapevole”.

Speedy Shop Roma

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here