Scomparsa di Emanuela Orlandi, analisi di reperti a Lecce a cura del Cedad

0
76

Nuove analisi scientifiche che potrebbero contribuire a fare luce sul caso della scomparsa di Emanuela Orlandi saranno condotte dal Cedad, il “Centro di Fisica applicata, DAtazione e Diagnostica” del Dipartimento di Matematica e Fisica “Ennio De Giorgi” dell’Università del Salento, diretto dal professor Lucio Calcagnile, Ordinario di Fisica Applicata.

Tali analisi riguarderanno alcuni reperti selezionati dall’antropologa Laura Donati, provenienti dal cimitero teutonico della Città del Vaticano: indagini antropologiche saranno integrate da indagini genetiche, che verranno effettuate a Milano dal professor Giorgio Portera, e dalla datazione con il radiocarbonio che verrà effettuata – appunto – al CEDAD dell’Università del Salento.

Per stabilire la cronologia dei reperti, i ricercatori del Cedad utilizzeranno la tecnica della “spettroscopia di massa ultrasensibile”, che utilizza un acceleratore di particelle per la misura degli isotopi del carbonio (detta anche AMS – Spettrometria di Massa con Acceleratore). Su ogni campione verranno seguiti i protocolli internazionali previsti per la preparazione chimica, che consisterà nell’estrazione del collagene, da cui verrà prodotta l’anidride carbonica che contiene tutte le informazioni sull’età del reperto.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here