Rifiuti nel comune di Lecce

0
626

Veramente brutta la vicenda dei rifiuti nel comune di Lecce

Brutta, veramente brutta la vicenda dei rifiuti nel comune di Lecce. Una vicenda che, per la gestione attuale, dopo il rifiuto di un dibattito aperto alle associazioni ambientaliste, agli ordini professionali, all’Ager e naturalmente  ai cittadini.

Come Msi Fiamma Tricolore, lista civica del consigliere Scorrano e Andrea  Guido di Direzione Italia, siamo stati costretti a mettere nelle mani della procura della Corte dei Conti, l’aumento del quinto per svariati milioni di euro. Oggi apprendiamo dalla stampa che il sindaco, senza mandato alcuno del consiglio comunale, ha autonomamente deciso (e comunicato  in provincia) di far sorgere a Lecce l’impianto di compostaggio, guarda caso in quella stessa zona industriale che non risulterebbe idonea  per l’impianto provato, proposto da Metapulia.

Comunicazione di Salvemini e applauso di Emiliano sono stati un tuttuno. E Salvemini, sempre privo di mandato, ha sostenuto la sua “ovvia” preferenza per un impianto pubblico, pronto semmai, anche questo è ovvio, ad essere gestito da qualche sollecito privato. Così  si chiuderebbe il ciclo. Dei rifiuti, ovviamente.

Un fatto è ormai evidente: la solitudine e l’autoreferenzialità del sindaco di Lecce. Consigli comunali regolarmente privi della presenza di cittadini, la parola quasi mai concessa agli assessori, una maggioranza assolutamente silenziosa che sta mostrando già segni di stanchezza e disinteresse a partecipare: prova lampante nel consiglio comunale del 29 novembre scorso, il mancato voto per l’immediata esecutività  niente meno che per il piano per il diritto allo studio e addirittura una ventina di debiti fuori bilancio.

Insomma, dello slogan “Insieme”  della campagna elettorale è rimasta solo la coppia Salvemini-Emiliano.

Adriana Poli Bortone, consigliere comunale a Lecce Msi Fiamma tricolore.
Speedy Shop Roma

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here