Pietro Demita ospite di Italia Sì su Rai 1

0
199

Domani, sabato 23 maggio, alle ore 17:50

Lo stilista salentino PIETRO DEMITA del brand sposa e cerimonia DIAMOND COUTURE, sarà ospite del programma di Rai 1 “Italia Sì”. Le telecamere Rai saranno nell’atelier di Veglie per un’intervista. Pietro Demita si farà portavoce degli interessi di tutti gli operatori del settore del wedding e anche dei tanti produttori e stilisti del Made in Italy, parlando a nome del movimento spontaneo “Italian Wedding Industry” e dell’associazione “Assimec” degli imprenditori del matrimonio e della cerimonia. Ciò che viene chiesto al Governo e che sarà esposto domani nel programma condotto da Marco Liorni è riassunto qui:

– codice Ateco unico per il settore del wedding;

– consentire il NON utilizzo della mascherina per gli sposi in quanto congiunti;

– credito di imposta a favore degli sposi per le spese relative a banchetto e servizi vari per matrimoni celebrati entro ‪il 30/09/21;

– credito di imposta sugli acquisti di abiti da sposa, sposo e cerimonia Made in Italy per tutto il 2020 e il 2021;

– finanziamento a fondo perduto per il 50% degli importi spesi per fiere ed eventi di promozione del settore matrimonio;

– finanziamento fondo perduto da parte del MiSE per eventi e fiere nazionali ed internazionali per produttori, con organizzazioni tramite ICE eventi estremo Oriente;

– riutilizzo dei fondi dell’internazionalizzazione del 2020 che non saranno utilizzati, per dare alle aziende contributi a fondo perduto;

– finanziamenti a fondo perduto sulla base della diminuzione di fatturato rispetto allo scorso anno;

– indennizzi sugli oneri di magazzino da calcolare sulle rimanenze degli acquisti relativi all’anno 2019;

– possibilità di prolungamento della cassa integrazione per i dipendenti fino ‪al 31/12/2020. In caso contrario la conseguenza sarebbe il licenziamento dei lavoratori che accederebbero, comunque, ad un ammortizzatore sociale, l’indennità di disoccupazione. Sarebbe, quindi, più utile utilizzare quelle risorse per garantire posti di lavoro;

– sospensione per un anno dei contributi sugli stipendi dei dipendenti che, finita la cassa integrazione, dovranno tornare a lavoro;

– tutela dei dipendenti stagionali, che a causa degli annullamenti degli eventi, rimarranno disoccupati per tutta la stagione 2020;

– misure 100% a sostegno degli affitti, a vantaggio dei locatari, con l’obbligo di rinegoziare canoni di affitto più bassi in proporzione alle riduzioni di fatturato subite.

Si tratta di richieste che fanno parte di un programma preciso e puntuale dei due movimenti di cui Pietro Demita fa parte, e che mirano a far risollevare un settore tra i più importanti dell’economia italiana, che ogni anno registra numeri da capogiro, e che senza dei seri provvedimenti rischia una recessione difficilmente superabile.

Appuntamento a domani a “Italia Sì” alle ore 17:50 su Rai 1 con il nostro Pietro Demita, che il mese scorso tra l’altro si è distinto a livello nazionale per un gesto molto significativo, quello di bruciare alcuni preziosi capi della sua collezione sposa, proprio per sollevare il grido di dolore di un intero comparto.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here