Molo di Adriano, conclusa la prima parte dei lavori: posizionate le gabbie di sostegno

0
97

Si è conclusa in questi giorni la prima parte dei lavori di restauro e di messa in sicurezza delle strutture murarie facenti parte del sistema portuale antico del Porto Adriano a San Cataldo databile alla prima metà del II sec. d.C.

Il lavoro coordinato dalla Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio per le province di Brindisi e Lecce con la collaborazione tecnico-scientifica della Soprintendenza Nazionale per il Patrimonio Culturale Subacqueo ha visto il posizionamento di gabbie metalliche in acciaio inox alla base della struttura, opportunamente riempite con elementi lapidei recuperati in situ. Le gabbie sono state collocate nelle ampie lacune causate dall’azione erosiva del mare, sui fronti del molo maggiormente esposti al moto ondoso, dopo la realizzazione di saggi archeologici subacquei. L’intervento ha previsto anche l’avvio del consolidamento della porzione di struttura fuori acqua con malta a base di calce idraulica di granulometria e colore simile alla malta originale, ad integrare la mancanza diffusa di malta, così da restituire solidità al conglomerato ed evitare nuovi distacchi degli elementi lapidei. Nei prossimi mesi l’opera verrà completata con interventi di consolidamento e riconfigurazione del paramento murario nella porzione sommersa, attraverso l’utilizzo di una speciale malta ad uso subacqueo, così da costituire una superficie di sacrificio a protezione del nucleo originale.

Un riscontro positivo dell’attività condotta dalle due Soprintendenze si è avuto durante gli appuntamenti del “Cantiere aperto”: bagnanti locali e appassionati hanno visitato il sito accompagnati dagli archeologi che hanno illustrato loro le fasi di lavoro.

Speedy Shop Roma

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here