venerdì, Febbraio 3, 2023
HomeAttualitàSanitàL'ULTIMA TRANSIZIONE: UN DOCUMENTARIO SUL POST COVID

L’ULTIMA TRANSIZIONE: UN DOCUMENTARIO SUL POST COVID

L’ULTIMA TRANSIZIONE: UN DOCUMENTARIO SUL POST COVID CON RUTELLI, BOMPIANI E RAMPINI.

 
 
Girato nell’arco di un anno con una serie di interviste per la maggior parte in presenza, anche se ci sono alcune in remoto da paesi come il Brasile e il Belgio, “L’ultima transizione Tra memoria e futuro”, è una docuserie in sei puntate che parla di come il covid ha cambiato il mondo e lo cambierà negli anni a venire. Uscito sulla piattaforma WeShort, l’ultima transizione  è sicuramente un lavoro coraggioso che non mancherà di aprire ulteriori dibattiti sugli argomenti affrontati.
La scelta dei registi Andrea Natale, Giuseppe Sciarra e Ennio Trinelli è stata quella di raccontare gli stravolgimenti socio economici che ha provocato la pandemia attraverso interviste a personaggi del mondo della dell’informazione, dell’imprenditoria, della medicina, della politica, della sociologia, della cultura e la religione, in modo da creare in ogni puntata un racconto e delle riflessioni come ad esempio sul tema assai discusso delle fake news, oppure sul controverso grande reset e le teorie complottiste, sulla green economy e la figura della donna in questo momento storico o  sull’avvento del digitale e il ruolo dei social media durante e dopo il covid.
Interviste  pregne di pathos, ragionamenti filosofici, scientifici, razionali, empirici ma soprattutto lungimiranti sul nuovo mondo che sta nascendo. Tanti i nomi coinvolti nel progetto: Francesco Rutelli, Ginevra Bompiani, Federico Rampini, Andrea Morelli, Stefano Fassina, Silvia Garambois, Tommaso Salaroli, Lia Tagliacozzo, Dino Pesole, Luca Tomassini, Domenico De Masi, Luca La Mesa, Francesco Saverio Teruzzi, Andrea Lasta, Diletta Belotti, Lorenza Morello, per citarne alcuni. Le interviste sono all’incirca una cinquantina e sono in effetti un’analisi scrupolosa sulla società attuale e le sue sfide.
L’ultima transizione tra memoria e futuro è un vero e proprio documento storico che vuole testimoniare una fase cruciale della contemporaneità. I suoi tre registi (Natale, Sciarra e Trinelli) con l’aiuto della video artist Alba Kia hanno creato un lavoro in cui il rigore del giornalismo si apre alla video arte e cerca non solo per mezzo della parola ma anche dell’immagine di creare una narrazione dinamica e suggestiva che porti lo spettatore a porsi delle domande scomode ma anche a essere toccato sul piano emotivo.
RELATED ARTICLES

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome qui

Most Popular

Recent Comments