Ilaria Cucchi a Lecce

0
575

ILARIA CUCCHI

La sorella di Stefano, morto nel 2009 nel reparto carcerario dell’ospedale Sandro Pertini di Roma, ripercorrerà – affiancata dall’avvocato Fabio Anselmo e intervistata dal giornalista Fulvio Totaro – le varie fasi della vicenda e del processo, recentemente riaperto, sul decesso del fratello Stefano. 
Sabato 30 gennaio (ore 19) nella sala conferenze dell’Hotel President di Lecce la rassegna Xoff – Conversazioni sul futuro, promossa dall’associazione culturale Diffondere idee di valore, riprende la sua articolata programmazione con un incontro con Ilaria Cucchi. Dal 22 ottobre 2009, quando il fratello Stefano morì nel reparto carcerario dell’ospedale Sandro Pertini, la donna si è battuta per ottenere la verità e scoprire le cause del decesso. Rispondendo alle domande di Fulvio Totaro, giornalista del Tgr Puglia, affiancata dall’avvocato Fabio Anselmo, la Cucchi ripercorrerà le varie fasi della vicenda e del processo, recentemente riaperto. Nel corso di questi anni, grazie anche al sostegno dell’avvocato Anselmo, si è impegnata attivamente  per l’introduzione in Italia di una legge contro il reato di tortura e, recentemente, ha sposato l’idea dell’istituzione di una commissione parlamentare d’inchiesta sui casi di abusi e maltrattamenti nei confronti di persone sottoposte a privazione o limitazione della libertà personale.

«Ho una nuova famiglia che con me condivide un destino tragico, ma una determinazione incrollabile come incrollabile è la fiducia che abbiamo nel riuscire ad ottenere verità. La mia nuova famiglia è formata da Patrizia Moretti, Lucia Uva, Domenica Ferrulli. Federico Aldrovandi, Giuseppe Uva, Michele Ferrulli sono i loro morti», sottolinea Ilaria Cucchi. «Sono persone meravigliose, semplici e vere, che non permettono che mi senta sola e che mi danno la forza per continuare quando la forza vacilla. Questo è ora diventato il mio mondo. La morte terribile di mio fratello non ha lasciato solo vuoto e dolore immenso, non ha lasciato solo la rabbia per l’ingiustizia subita, la ribellione alla irriguardosa mistificazione della verità, ma anche il calore ed il conforto di queste persone e quello di tante altre che ci aiutano e seguono affinché Stefano e gli altri non vengano seppelliti nell’oblio, senza dignità e senza giustizia. Per questo abbiamo costituito l'”Associazione Federico Aldrovandi – Le loro voci”».

«Nel nostro percorso della rassegna Xoff – Conversazioni sul futuro e del TedxLecce ci occupiamo spesso di diritti civili, umani e sociali », sottolinea Gabriella Morelli dell’associazione Diffondere Idee di Valore. «Un anno fa avevamo invitato Ilaria per la presentazione del rapporto annuale di Amnesty International. Purtroppo non ha potuto raggiungere Lecce e siamo riusciti ad ascoltare la sua testimonianza solo in collegamento via Skype», prosegue. «Alla luce dei nuovi sviluppi sul caso di Stefano abbiamo deciso di invitarla nuovamente per approfondire una vicenda che dal punto di vista processuale e mediatico continua a fare discutere. Ringraziamo Ilaria per aver accettato il nostro invito e ripartiamo da qui per proseguire il nostro percorso. A breve comunicheremo i prossimi appuntamenti della rassegna che andrà avanti per tutto l’anno».

Speedy Shop Roma

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here