Il trasporto pubblico in Puglia? Interdetto ai diversamente abili

0
484

Il trasporto pubblico in Puglia? Interdetto ai diversamente abili

“La possibilità di utilizzare mezzi pubblici di trasporto per esigenze lavorative, abitudinarie e di svago sembra essere diventata una chimera – commenta Damascelli -. In Puglia, in questo periodo, ma anche in altre stagioni, è persino negato ai diversabili lo svago e il relax presso le località marine”.

In alcuni casi specifici denunciati, come per le corse che uniscono Bitonto, Bari-Santo Spirito, Giovinazzo e Molfetta, ma anche in altre tratte dell’intero territorio regionale, “nonostante le sollecitazioni da parte delle famiglie e della stampa e le nostre richieste incalzanti, il problema non è stato ancora affrontato – continua il forzista -. Gravi disservizi rendono difficilmente raggiungibile il mare ai diversabili. Molti bus sono addirittura privi di pedane”.

“Chiedo che la Regione eserciti tutti i suoi poteri di controllo, verifica e ispezione e incalzi la Città Metropolitana e le Province, che organizzano il servizio, e le società che lo gestiscono a rimuovere ogni barriera. Abbiamo bisogno – conclude Damascelli – di conoscere le ragioni e le responsabilità per cui ancora non si provvede a risolvere questo inconveniente ed entro quali tempi si ha intenzione di predisporre soluzioni per eliminare definitivamente ogni minimo ostacolo”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here