Il Picerno “sbanca” Nardò: finisce 0-3. Direzione di gara incerta

0
93

Una domenica da dimenticare per il Toro di mister Danucci. Il Picerno passa al “Giovanni Paolo II” di Nardò con un rotondo 3 a 0, anche se, su diversi episodi accaduti nel corso della ripresa, l’arbitro, il sig. Iacobellis di Pisa, è parso incerto. Nardò che dal suo canto non ha saputo mantenere i nervi saldi nella parte più  determinante del match cedendo il fianco ai più esperti avversari. Aspetto quest’ultimo su cui certamente mister Danucci dovrà lavorare.

Per la sfida al Picerno il Nardò deve fare a meno di Romeo, Zappacosta e dell’attaccante Granado. In avanti spazio al giovane Gallo. Gli ospiti  rispondono  con un 3-5-2  architettato dal tecnico Ginestra che si affida alle invenzioni di Guerra e D’Angelo, terminale offensivo Iadaresta.

Picerno propositivo nella prima parte di gara: al 7′ D’angelo ci prova dal cerchio di centrocampo, avendo visto Mirarco fuori porta, ma la sua sventagliata non inquadra (di pochissimo) il bersaglio grosso. Risponde il Toro al minuto 12 quando Gallo si rende pericoloso con un tiro dai venti metri che si perde sul fondo. Al  minuto 20 Nardò in avanti, palla a Potenza che scodella per Caputo che da pochi passi dalla porta di Caruso si lascia anticipare. Al 42′ Picerno vicino al gol, spiovente dalla destra con palla che giunge sui piedi di Guerra che da buona posizione, in area neretina, spara alto.

La ripresa si apre con il Picerno in attacco, ospiti autori di un paio di sortite che però non creano grattacapo a Mirarco. All’ 11 il match si “infiamma”: l’arbitro Iacobellis sente  qualcosa dalla panchina granata ed espelle De Giorgi (probabilmente sbagliando componente) reo di qualche offesa, scatenando  le proteste dei padroni di casa  con l’arbitro che a più riprese viene inviatato a rivedere la sua posizione. il 20 neretino però è costretto anzitempo a lasciare il rettangolo verde. Al 14′ altro episodio contestato: Iadaresta va giù, intorno ai trenta metri, e punizione discutibile fischiata in favore del Picerno. Sulla battuta la retroguardia neretina si fa trovare impreparata e gli ospiti passano con il gol di Girasole. Due minuti più tardi arriva il raddoppio ospite con Dettori che realizza direttamente da calcio da fermo.

A circa dieci minuti dal termine, l’episodio che fa esplodere la rabbia granata: Caruso in area perde la sfera e poi stende,  nei sedici metri,  Potenza ma per l’arbitro è tutto regolare e lascia proseguire. Veementi le proteste granata che non sortiscono però gli effetti sperati. Al 90′ il Picerno cala il tris  con una ripartenza finalizzata da Esposito.

Cala il sipario al “Giovanni Paolo II” con una sconfitta difficile da digerire per come maturata. Seconda uscita stagionale per il Nardò senza conquistare punti. Nel prossimo turno i granata saranno di scena al “Fanuzzi” contro la neo capolista Brindisi.

NARDO’ – AZ PICERNO 0 – 3

Reti: 14’ st Girasole, 16’ st Dettori, 45’ st Esposito.

NARDÓ – Mirarco, Trinchera, Mengoli (25’ st Valzano), Stranieri, Potenza, Cancelli, Scialpi (16’ st Cuomo), Caputo, Spagnolo, Palazzo (31’ st Raia) , Gallo (16’ st Lamacchia). A disposizione: Centonze, De Giorgi, Marulli, Miccoli, Angelini, All.: Danucci.

AZ PICERNO – Caruso, Finizio, Nossa, Pitarresi, Iadaresta, D’Angelo (15’ st Esposito), Dettori, Santarcangelo (24’ st Piccione), Girasole, Guerra (15’ st Zito), Konè (13’ pt Parisi). A disposizione : Guliani, Oyeawale, Orsi, Caiazza, Leone. All. :Ginestra.

Arbitro: Gioele Iacobellis di Pisa. Assistenti: Vincenzo Russo di Nichelino e Damiano Caldarola di Asti.

Note: – Ammoniti : Stranieri (N); Iadaresta , Esposito(P).Espulsi: 11’st De Giorgi (N) direttamente dalla panchina. Recupero 1′ pt; 4′ st.

Speedy Shop Roma

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here