IL DOTTOR LUIGI CORVAGLIA È IL PRIMO ITALIANO NEL COMITATO DIRETTIVO DELLA FECRIS

0
381

IL DOTTOR LUIGI CORVAGLIA È IL PRIMO ITALIANO NEL COMITATO DIRETTIVO DELLA FECRIS

L’Assemblea generale della FECRIS, la Federazione europea dei centri di ricerca ed informazione sul settarismo, riunitasi presso l’Istituto di Tecnologia dell’Università di Sofia (SULSIT) ha eletto il dottore Luigi Corvaglia membro del ristretto gruppo che dirige e controlla le attività dell’organizzazione internazionale.

Il dottor Corvaglia, psicoterapeuta e psicologo salentino,  è il primo italiano ad essere entrato nel comitato scientifico della Federazione nel 2015 e da oggi il primo ad entrare nel comitato direttivo della Federazione, organizzazione a cui fanno capo le 56 associazioni di 34 paesi del mondo, che si adoperano per difendere le vittime degli abusi delle sette e di tutti i gruppi costrittivi e totalitari.

Secondo i dati forniti dall’Osservatorio della Comunità Giovanni XXIII, che assieme alla Federazione è consulente della Squadra Anti-sette della PS, nel 2010 a finire nella trappola dei 500 sette presenti nel nostro Paese sono stati circa 240 mila italiani, in prevalenza uomini (54%) rispetto alle donne (46%). I più a rischio sono giovani (36%) e adulti (44%), meno gli anziani (20%). A smentire l’erronea credenza che a finire nella rete sono prevalentemente le persone povere e disperate, le sette fanno proseliti soprattutto tra il ceto medio (42%) e alto (38%). Nella geografia del fenomeno la maggiore presenza di movimenti è al Nord, con Lombardia (16%) ed Emilia Romagna (15%) in pole, seguiti, al Centro, dal Lazio (13%) e, al Sud, dalla Puglia (11%).

“L’ngresso dell’alia nella Consiglio della FECRIS inaugura una nuova stagione di attenzione per il fenomeno settario e per la gestione del problema della persuasione indebita nel nostro paese”, ha dichiarato il dottor Corvaglia, che condivide il privilegio di far parte del comitato direttivo insieme ai maggiori nomi mondiali impegnati nello studio della manipolazione mentale e delle sette, come gli americani Jania Lalich e Dave Clark.

Psicologo e psicoterapeuta salentino, di Casarano (Lecce), dipendente della ASL di Bari, è esperto di manipolazione mentale e presidente del CeSAP (Centro Studi Abusi Psicologici), l’associazione italiana che studia e combatte le derive settarie all’interno dei culti religiosi e dei gruppi terapeutici. Già impegnato da anni nell’approfondimento delle tematiche inerenti la libertà ed il libero arbitrio da ogni punto di vista (politico, religioso, filosofico, ecc.) è collaboratore della cattedra di Criminologia dell’Università del Salento.

Speedy Shop Roma

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here