FSI – USAE LECCE

0
124

FSI – USAE LECCE: RICHIESTA DI DEFINIZIONE URGENTE DELL’ACCORDO
BIENNALE 2020/2021

PROGRESSIONE ECONOMICA ORIZZONTALE (FASCE RETRIBUTIVE) DALL’1/01/2020 AL PERSONALE DEL COMPARTO SANITA’ DELLA ASL DI LECCE.

La Segreteria Territoriale della FSI-USAE convocata in videoconferenza per la giornata del 2/12/2020 per la riunione di contrattazione decentrata per la definizione delle procedure della progressione economica orizzontale  P.E.O. (Fasce retributive ) con decorrenza dall’1/01/2020 ritiene che sia arrivato il momento di bloccare la vostra indubbia capacità di tessere la “tela di Penelope”, ed a continuare a trovare cavilli burocratici anche in
considerazione dei fondi disponibili all’interno del fondo previsto dall’art .81 del CCNL 2018 (premialità e fasce), per la conclusione di tale operazione.
La scrivente O. S., facendo seguito alle precedenti note prodotte in questo periodo ed agli interventi susseguiti , ai lavori bipartisan dei tavoli tecnici ed in delegazione trattante e non ultimo alle esigenze dei dipendenti che dal biennio 2016/2017 ad oggi, hanno assistito alla negazione di ogni forma di opportunità per migliorare la loro progressione orizzontale, espone quanto segue:
• Complici la grave pandemia che per ovvie ragioni ha favorito la “stagnazione” delle relazioni sindacali, problematiche varie di organizzazione che hanno portato ad oggi alla mancata  definizione di Accordi 🙁 vedi CC.II.AA. utili a premiare economicamente i propri dipendenti – mancata fruizione dei Buoni Pasto per i turnisti – slittamento anno di
decorrenza delle Progressioni Economiche Orizzontali, mancata applicazione delle Progressioni Verticali Interne, Incarichi di funzione e di organizzazione, riconoscimento delle mansioni superiori, iniqua distribuzione delle quote del fondo regionale Covid, Performance 2019 ,ecc. ecc.).
Non ultimo l’accordo sulle PEO, più volte in fase di traguardi per essere raggiunto nei mesi di settembre-ottobre-novembre 2020 che intendeva premiare per l’anno 2020 con decorrenza 1° gennaio, il 50% dei dipendenti aventi diritto al 31/12/2019 e il restante 50% dei dipendenti aventi diritto al 31/12/2020 dal 01 gennaio 2021, che ad oggi sembra ancora in fase di stallo (Si attende la ancora una completa percorribilità?).
Per quest’ultimo accordo (PEO) abbiamo ricevuto l’ennesima bozza , dove ancora si registrano dubbi sugli effettivi potenziali beneficiari per la Selezione relativa all’anno 2021.
Infatti, mentre per quanto concerne il passaggio di fascia per l’Anno 2020 sono previsti il numero dei dipendenti aventi diritto pari a circa 2028 dipendenti, per l’Anno 2021 si riporta .”Si concorda che , eccezionalmente e solo per l’anno 2021, al fine di ricomporre la controversi insorta con le OO.SS. ed evitare lo stato di agitazione , con conseguente disagio da parte dei lavoratori , ed atteso lo stato di emergenza sanitaria in corso, una
percentuale pari al 10% degli idonei non vincitori presenti nella graduatoria dell’anno 2020 entrerà di diritto tra i vincitori della procedura della PEO che verrà indetta nell’anno 2021, fermo restando il limite complessivo del 50% dei potenziali beneficiari come da citata circolare MEF”.

Per essere abbastanza chiari , noi riteniamo che occorre sottoscrivere l’accordo della PEO solo ed esclusivamente nel momento in cui tutti i 4055 dipendenti aventi diritto , suddivisi in N.°2028 per l’anno 2020 e N°.2027 per l’anno 2021 a cui può aggiungersi una percentuale del 10% per coloro che raggiungeranno i requisiti dei 24 mesi alla data del 31/12/2020 per il riconoscimento della PEO.
In caso contrario , codesta Amministrazione sarà ritenuta responsabile del grave e inspiegabile ritardo nella attribuzione agli aventi diritto che offende i dipendenti e i loro rappresentanti, con il rischio di far saltare la decorrenza del 01 gennaio 2020.

Tuttavia, in via del tutto astratta, riteniamo che la limitazione al 50% degli aventi diritto potrebbe far sì che nell’arco di 2 anni tutti i dipendenti, quindi il 100%, ottenga una progressione economica orizzontale.

Come richiesto, tra il 2020 ed il 2021 possono accedere, in teoria, il 100% dei dipendenti  alle Peo, applicando una procedura mista , tra le indicazioni della Ragioneria Generale e il micidiale misto della forza con la quale le organizzazioni sindacali chiedono clausole miranti a far passare tutti  gli aventi diritto ogni due anni con l’attuazione anche di una procedura
selettiva.

La Segreteria Territoriale della FSI-USAE di Lecce, ritiene che sia ormai indifferibile attivare con urgenza il passaggio di fascia economica orizzontale (P.E.O.) relativo all’anno 2020 e 2021 per il personale del comparto, per riconoscere a tutti quei lavoratori che ogni giorno, in particolare in questo periodo di emergenza epidemiologica Covid, pur tra mille difficoltà garantiscono un servizio fondamentale per il SSN.
Il nostro impegno come FSI-USAE di Lecce – sarà costante e continuo nel presidiare il completamento delle procedure necessarie.

IL SEGRETARIO TERRITORIALE
Francesco Perrone

Speedy Shop Roma

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here