ELEZIONI POLITICHE 2022

0
379

Berlusconi: ‘Le sentenze di assoluzione non saranno appellabili’.

Meloni: ‘Il reddito di cittadinanza un fallimento totale’. Concluse le parlamentarie, via libera degli iscritti al cosiddetto “listino Conte”

In Italia migliaia di persone ogni anno vengono arrestate e processate pur essendo innocenti.

Il processo è già una pena, che colpisce l’imputato, ma anche la sua famiglia, i suoi amici, il suo lavoro. Per questo non deve trascinarsi all’infinito, in appelli e controappelli. Quando governeremo noi, le sentenze di assoluzione, di primo o di secondo grado, non saranno appellabili. Un cittadino – una volta riconosciuto innocente – ha diritto di non essere perseguitato per sempre” . Lo scrive su Fb Silvio Berlusconi nella sua pillola quotidiana.

“La questione era stata affrontata dal legislatore nel 2006 con la legge Pecorella e la Corte Costituzionale ha dichiarato illegittima quella legge“. Così il presidente dell’Anm, Giuseppe Santalucia, dopo la proposta di Berlusconi sull’inappellabilità delle sentenze di assoluzione. “Ci sono principi costituzionali – sottolinea – che devono essere necessariamente rispettati. Il tema può essere discusso ma non rappresento nei termini che ho letto, ossia che migliaia di persone siano ingiustamente sotto processo. Questo non rende giustizia al difficile lavoro dei tribunali e del corti nell’accertamento della verità dei fatti”.

Il reddito di cittadinanza è stato un fallimento totale, nonostante abbia avuto per lo Stato un costo esorbitante pari a circa 9 miliardi di euro l’anno. Stendendo un velo pietoso sulle migliaia e migliaia di truffe che ha generato – favorendo anche criminali, mafiosi e spacciatori – ha fallito come strumento di lotta alla povertà che doveva essere abolita e invece ha raggiunto i massimi storici e ha fallito come misura di politica attiva del lavoro, visto che pochissimi dei percettori del reddito di cittadinanza sono stati alla fine assunti e hanno trovato un lavoro dignitoso”. Così la presidente di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni in un video su Facebook. E aggiunge: “È l’ennesima riprova del fatto che avevamo ragione quando dicevamo che le risorse per le politiche attive andavano usate per aiutare le imprese ad assumere. Oggi lo dicono un po’ tutti, però rimane che Fratelli d’Italia è stata l’unica forza politica di tutto il Parlamento, nella legislatura appena conclusa, che non ha mai votato a favore del reddito di cittadinanza. Ecco perché noi crediamo che uno Stato giusto non debba mettere sullo stesso piano chi può lavorare e chi non può farlo. Uno strumento di tutela serve per chi non è in condizione di lavorare: over 60, disabili, famiglie senza reddito che hanno dei minori a carico. Ma per gli altri quello che serve è la formazione e gli strumenti necessari a favorire le assunzioni”. Quindi conclude: “La verità è che l’unico modo di combattere ed abolire la povertà è consentire a chi è in una condizione difficile di migliorare quella condizione. Questo non si fa mantenendo le persone nella stessa realtà nella quale si trovano ma consentendo loro di avere un lavoro, un lavoro dignitoso e ben retribuito, che possa aiutarle a crescere indipendentemente dalla condizione dalla quale provengono. Questo fa uno Stato giusto”.

“Io mi candiderò al Senato in Toscana ma anche in Lombardia e nello stesso collegio di Berlusconi. A proposito, mi piacerebbe tanto fare un bel confronto con il presidente Berlusconi…”. Lo ha detto Matteo Renzi a Rainews24.
“Io sono uscito dal Pd ma trovo abbastanza strana la strategia di chi vorrebbe combattere Salvini e Meloni e poi attacca solo i renziani o ex renziani…sembra proprio che abbiano un problema con noi”, ha aggiunto Renzi commentando le liste varate ieri dal Pd.

“Se sono d’accordo sul presidenzialismo? Preferirei l’elezione diretta del premier, perché secondo me è giusto che i cittadini scelgano. Sogno un meccanismo semplice come quello del sindaco d’Italia. Tutti coloro che ascoltano sanno che quando si vota per il sindaco è facile, poi magari si perde. Questo meccanismo è democrazia, funziona. Io sono per il sindaco d’Italia. Il capo dello Stato dipende da che funzione gli dai. Se fai come in America è giusto che lo eleggano i cittadini, se il capo dello Stato ha la funzione di arbitro istituzionale, di quello che nomina qualcuno alla Corte costituzionale, che presiede il CSM, se fa questa funzione lì è più giusto che sia una sorta di arbitro, non di capo del governo”. Lo dice il leader di Iv Matteo Renzi a Rrt 102.5. Calenda la pensa come lei sul presidenzialismo? “Penso che nel programma, che verrà fuori domani, ci sia scritto sindaco d’Italia. Domandatelo domani, così non faccio spoiler. Il tema è l’inflazione, la gente non arriva alla fine del mese. Chiedete agli altri cosa hanno fatto, io nel mio piccolo qualcosa l’ho fatto. Letta l’unica cosa che ha fatto quando era premier era aumentare l’Iva”.

Crisanti replica a Renzi: “Ignoranza scientifica e opportunismo”

Il virologo, candidato per il Pd, risponde alle parole del leader di Italia Viva. E su Speranza dice: “Ha la mia stima, si è trovato da solo con tecnici lottizzati”

Nelle parole di Mattero Renzi “c’è ignoranza scientifica e opportunismo”. Così il virologo Andrea Crisanti, candidato per il Partito democratico, ospite di ‘Agorà Estate’ su Rai3, commentando quanto detto da Matteo Renzi contro la candidatura di Crisanti: “Se uno candida Crisanti che è uno dei virologi più famosi, che prima voleva tenerci chiusi a Natale, poi ad aprile voleva chiuderci in casa per salvare l’estate, poi in estate chiusi di nuovo perché altrimenti c’erano troppi morti. Ho paura che al primo raffreddore ci prendiamo una quarantena di due mesi e non ne usciamo”. La replica di Crisanti: “Quelle cose le ho dette quando non avevamo il vaccino, i politici compreso Renzi annaspano”.

Salvini critica la mia candidatura con il Pd? Forse dovrebbe pensare a tutti gli errori di valutazione che ha commesso, sia in politica estera che sulla sanità pubblica. Se fossimo stati nelle sue mani ora ci sarebbero 300mila vittime di Covid al posto di 140mila e saremmo allineati con Putin. Salvini critica me, ha altre cose a cui pensare”.

Matteo Salvini: “‘Crisanti? Un esperto di zanzare’. Il prof. Giorgio Palù, virologo padovano di fama internazionale e presidente dell’Agenzia Italiana del Farmaco, parla così del ‘tele-virologo’, oggi candidato dal PD”.

 

Speedy Shop Roma

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here