Draghi

0
663

Ripresa più lenta attese Bce lascia tassi fermi.

La Bce rivede al ribasso le stime sul Pil dell’Eurozona +1,4% da +1,5% per quest’anno e per il prossimo a +1,7% da +1,9%.

L’ipotesi di Draghi, e che la  ripresa continuerà a passo più lento delle attese.

La ripresa continuerà ma ad un ritmo piu’ lento rispetto a quanto previsto in precedenza. Gli acquisti di titoli del Quantitative Easing “sono previsti fino al settembre 2016 o anche oltre se necessario”. Il presidente della Bce ha fatto anche sapere che il Consiglio ha deciso di alzare dal 25% al 33% il limite della quantità di un’emissione di titoli di Stato acquistabile da Francoforte.

“Stiamo osservando l’indebolimento delle prospettive per l’economia cinese”. Mario Draghi, spiega che ciò comporta due effetti: uno sul “canale del commercio, che indebolisce le economie degli altri Paesi” e uno “sulla fiducia” che incide sui mercati azionari.

La politica “accomodante” della Bce sta funzionando e viene trasmessa all’economia reale.

Mario Draghi, sottolinea che ne stanno “beneficiando Paesi” più sotto stress come “la Spagna e l’Italia, dove il credito sta migliorando. Il suo corso si sta riducendo. Abbiamo le prove che la nostra politica funziona”

“Le informazioni disponibili indicano un più lento aumento dell’inflazione rispetto alle precedenti stime”.

Mario Draghi, sottolinea comunque che “è ancora prematuro valutare se gli sviluppi” sul prezzo del petrolio “avranno un impatto duraturo sui prezzi”.  La Bce rivede – infatti – al ribasso la stima dell’inflazione nell’Eurozona per il 2016 all’1,1% dall’1,5%, quella per il 2017 è tagliata all’1,7% dall’1,8%. Per quest’anno la stima è tagliata allo 0,1% dallo 0,3%. “Potremmo vedere – ha detto ancora Draghi – numeri negativi nell’inflazione nei prossimi mesi ma la Bce li considera transitori a causa dei bassi prezzi del petrolio”.

La Banca Centrale Europea ha lasciato il tasso principale di rifinanziamento al minimo storico dello 0,05%. Il tasso sui prestiti marginali e quello sui depositi bancari restano rispettivamente allo 0,30% e -0,20%.

Confermano il rialzo delle Borse europee dopo l’attesa decisione della Bce di lasciare invariati i tassi. Fra tutte svetta Atene (+2,63%), spinta dai bancari Alpha (+13,33%), Piraeus (+10,98%) e National Bank of Greece (+7,65%). Bene Francoforte (+1,56%) con Fresenius (+4,26%) e Infineon (+2,59%). Sprint di Easyjet (+5,56%) a Londra e di Valeo (+3,5%) a Parigi, dove scivola Edf (-4%). Sprint di Autogrill (+7,32%), Yoox (+5,5%) e Campari (+4,47%) a Milano, dove frena Saipem (-0,87%).

Speedy Shop Roma

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here