Dal 29 al 31 luglio laboratori e concerto per Dama “

0
422

Dal 29 al 31 luglio laboratori e concerto per Dama 

Dal 29 al 31 luglio il progetto Dama – Danze e musiche del Salento prosegue nelle sale di Palazzo Turrisi-Palumbo, nel centro storico di Lecce, con una tre giorni dedicata alla musica e alla danza tradizionale con tre laboratori a cura di Laura e Silvia De Ronzo e Giovanni Amati che, in chiusura, si esibirà alle Officine Cantelmo con Li Sënaturë di Ostuni. Tutti gli appuntamenti sono ad ingresso gratuito – info 3492561471.

Il programma prenderà il via mercoledì 29 luglio (dalle 19 alle 20.30) con l’ultima lezione del primo ciclo di lezioni sulla Pizzica pizzica e le danze popolari del sud Italia a cura di Laura De Ronzo. Dalle 20.30 spazio al Ballo finale con Giovanni Amati. Giovedì 30 luglio (dalle 10 alle 13) prenderà il via il laboratorio a cura di Giovanni Amati. “Lo strumentario minore. Scacciapensieri, tamburi a frizione, fischietti, trick-track e castagnole: gli oggetti sonori della tradizione popolare pugliese” che proseguirà nel pomeriggio (dalle 16.00 alle 19.00) e venerdì 31 luglio (dalle 10 alle 13).

La giornata di venerdì 31 luglio andrà avanti dalle 17 alle 20 con il laboratorio a cura di Silvia De Ronzo “Viaggio tra le danze popolari del Sud Italia”. La lezione, della durata di tre ore, condurrà gli allievi in un itinerario danzante attraverso alcuni importanti luoghi della memoria: il Salento, il promontorio del Gargano, la Campania e la provincia di Reggio Calabria. Passo dopo passo, le danze si compongono in un fluire ininterrotto e armonioso e si concludono, all’interno del cerchio, ronda, rota, nel quale il rito della comunità si compie, oggi come un tempo.

La tre giorni si concluderà alle 21 negli spazi esterni delle Officine Cantelmo di Lecce con il concerto di Giovanni Amati e Li Sënaturë di Ostuni, un gruppo giovani suonatori, cantatori e ballatori, nato in situazioni spontanee, di feste rituali, serenate, e situazioni conviviali. Tutti i componenti, provengono da Ostuni e dintorni, area tra la bassa Murgia e l’alto Salento, nella Puglia centrale, un vero scrigno musicale. Il repertorio è composto da pizziche pizziche, serenate e ballabili, tramandati per tradizione familiare, o apprese dai depositari della tradizione locale ed è eseguito con strumenti tradizionali.

Dama – Danze e musiche del Salento è un progetto dell’associazione Tarantarte, in collaborazione con Coolclub, con il sostegno del Comune di Lecce e con il patrocinio di Istituto Diego Carpitella e Puglia Sounds, finanziato nell’ambito del Piano Azione Coesione “Giovani no profit” dal Dipartimento della gioventù e del servizio civile nazionale della Presidenza del Consiglio dei Ministri, per la realizzazione di un archivio multimediale e di un laboratorio permanente sulle musiche e sulle danze popolari salentine che saranno ospitati in alcune sale del Castello Carlo V di Lecce. L’obiettivo del progetto – che durerà circa due anni e sarà coordinato da Antonio Santoro – sarà, dunque, la valorizzazione di una parte del piano terra del Castello per la gestione di servizi con finalità educative, didattiche, sociali e di attrazione turistica. Sono previste quattro linee di azione: la costituzione di un archivio multimediale della musica salentina, diretto da Vincenzo Santoro, con un’attenzione particolare al vasto movimento di folk-revival che ha caratterizzato il territorio pugliese negli ultimi anni; la realizzazione di un vasto programma di attività seminariali e di fruizione pubblica dei contenuti; la realizzazione di una scuola di danza, diretta da Maristella Martella, con seminari, corsi e master-class sulla danza dalle sue forme coreutiche tradizionali salentine fino alle più recenti esperienze di rielaborazione in chiave contemporanea; lo sviluppo di percorsi formativi sull’imprenditorialità giovanile in ambito culturale e sociale.”

 
Speedy Shop Roma

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here