CONTRATTO DI GOVERNO

0
685

SUD PENALIZZATO NEL CONTRATTO DI GOVERNO

L’assenza nel contratto di governo di una proposta specifica per il Sud lascia esterrefatti. Secondo Puglia Popolare gli elettori del mezzogiorno sono ancora una volta traditi nelle loro legittime attese. Sacheggiati nel voto e scaricati alla prima occasione.

Cinque Stelle e Lega avevano promesso attenzione e rilancio delle politiche per il sud, invece assistiamo all’ennesimo contratto per il nord nel silenzio assordante degli eletti nel mezzogiorno.
Non si può sentire che il sud si potrà rilanciare con le politiche nazionali, significa negare che la disoccupazione al sud supera il 50% ed avrebbe bisogno di misure speciali come la decontribuzione per le aziende che assumono giovani nelle regioni del mezzogiorno d’Italia. Un’aliquota fiscale minore per le imprese che investono e si stabiliscono nel sud (flat Tax flessibile e minore al sud). Misure semplici e chiare per evitare l’emigrazione dei giovani e delle imprese fuori dai confini nazionali.
E che dire che nel contratto di governo si inserisce una revisione della TAV e non una stessa attenzione per la TAP. Dove sono finite tutte le passerelle Grilline a San Foca.
Ancora una volta assistiamo ad una sperequazione tra le attenzioni e le risorse destinate al nord rispetto ad un mezzogiorno illuso e frustrato.
Alzeremo la voce partendo dal Salento, emarginato dai trasporti e nelle opportunità di crescita, eppure si chiede solo di avere ciò che il nord ha da anni, come ad esempio l’alta velocità ed i trasporti adeguati.

Luigi Mazzei
Coordinatore Provinciale Puglia Popolare

Speedy Shop Roma

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here