Colata di cemento sugli scogli a Porto Cesareo, sequestro e denunce

0
221

Una colata di cemento sugli scogli. A Porto Cesareo. Una di quelle brutture che nel Salento si può notare spesso, in diversi punti della litoranea, al punto che quasi si considerano tali elementi parte integrante del paesaggio.

Un’aberrazione frutto di disattenzione, distrazione o, più probabilmente, di una consapevole noncuranza verso quello che è il bene comune. A tutto vantaggio del profitto, ovviamente.

Ma la Guardia Costiera è intervenuta, sequestrando un’area di 200 metri quadri. Un gesto che, oltre ad avere valenza penale, ha anche un significato simbolico, per così dire: l’attenzione sui temi ambientali non può venire meno.

In particolare nel corso della prima mattinata, in località Torre Chianca, nel Comune di Porto Cesareo, in Area Marina protetta, i militari hanno accertato che all’interno di un’area demaniale marittima in concessione erano in corso dei lavori in difformità ai titoli posseduti. La ditta esecutrice dei lavori aveva realizzato 12 supporti in cemento direttamente sugli scogli sui quali poggiare delle travi in alluminio poste alla base di una pedana.

I militari intervenuti hanno così eseguito il sequestro dell’area e delle opere annesse, sussistendo il concreto pericolo che il prosieguo delle attività e la libera disponibilità dell’area e degli attrezzi potessero aggravare o protrarre le conseguenze del reato. Al contempo sono stati denunciati tutti i soggetti coinvolti, il presidente pro tempore del Circolo, il direttore dei lavori e l’impresa esecutrice delle opere per lo svolgimento di lavori non autorizzati e in difformità rispetto ai titoli edilizi posseduti, il tutto deturpando il tratto di scogliera interessato.

In questi ultimi due giorni sono stati complessivamente deferiti 7 soggetti, posto sotto sequestro penale circa
500 attrezzature balneari e 200mq di area demaniale in concessione e restituito alla libera fruizione oltre 1.950 mq. di spiaggia libera e 2.000 mq. di specchi acquei.

Speedy Shop Roma

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here