Cena Blu Sostenibile al Lilith di Vernole (Le)

0
458

BLU SOSTENIBILE

Sabato 4 marzo (ore 20.30 – ingresso 30/35 euro – info e prenotazioni 393.9962150) il Ristorante Lilith nella Masseria Copertini di Vernole, in provincia di Lecce, in collaborazione con la condotta Slow Food di Lecce, ospita Blu sostenibile. L’incontro e la cena, il cui ricavato sarà interamente devoluto alle zone terremotate, saranno incentrati sulla pesca sostenibile e sul pesce azzurro del mediterraneo. Ai fornelli Silvio Greco, biologo marino e docente dell’Università di Scienze Gastronomiche di Pollenzo, Antonello Del Vecchio, presidente di Slow Food Puglia, e gli chef del Lilith, Miriana e Matteo. Il menù comprende Vellutata di legumi di Zollino con totanetti del nostro Adriatico scottati e tocchetti di pane al rosmarino, Lasagnetta con ragù di baccalà, Tortino di pesce pelagico con cipollotto rosso di Acquaviva e Soffice al limone.

Silvio Greco, gastronomo e chef per passione, ha condotto campagne di ricerca sulla pesca in quasi tutti i mari del mondo, partecipando a sei campagne di ricerca in Antartide. Membro della COI, Commissione Oceanografica Italiana e della CNSA, Commissione nazionale Scientifica per l’Antartide. Autore di oltre duecento comunicazioni scientifiche e due libri, tra cui ‘’Il pesce’’ illustrato da Sergio Staino che durante la serata sarà possibile acquistare. Antonello Del Vecchio, direttore dell’unità di terapia intensiva neonatale di Bari, docente di Pediatria c/o l’Università di Bari. Presidente di Slow Food Puglia e autore di recenti pubblicazioni su Nutrizione Infantile, edite da Slow Food Editore.

Slow Food è un’associazione non-profit che conta 100.000 membri in 150 paesi del mondo. Fondata da Carlin Petrini nel 1986, si pone l’obbiettivo di promuovere nel mondo il cibo buono, pulito e giusto. Buono da mangiare, per le sue qualità organolettiche, ma anche per i valori identitari e affettivi che si porta dietro. Pulito perché prodotto in modo ecosostenibile e rispettoso dell’ambiente. Giusto perché conforme all’equità sociale durante la produzione e la commercializzazione.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here