Bija all’Ammirato Culture House di Lecce

0
359

Nell’ambito della rassegna “Il Club dell’ascolto Live”, in collaborazione con Coolclub e Uasc, il trio salentino presenterà in anteprima i brani dell’esordio discografico prodotto dall’etichetta inglese Slam.

Sabato 27 dicembre (ore 21 – ingresso gratuito con tessera) l’Ammirato Culture House di Lecce ospita il concerto del trio Bija che presenterà in anteprima i brani dell’omonimo esordio discografico prodotto dall’etichetta inglese Slam. Si tratta del secondo appuntamento de “Il club dell’ascolto live”, rassegna nata dalla collaborazione con Coolclub e Uasc! e con il sostegno della Fondazione Musagetes. Un breve viaggio intimo e acustico alla scoperta dei nuovi suoni provenienti da tutta Europa, con particolare attenzione al folk, alla parola cantata, alle storie, alla musica delle radici. Il Club dell’Ascolto, progetto ideato da Gigi Colaci e Luigi Negro, diventa una guida alle nuove tendenze della musica indipendente internazionale. 


Il termine sanscrito “Bija” (seme) rappresenta l’origine ed al tempo stesso la causa di tutte le cose. È la vibrazione, il suono primordiale da cui ha avuto principio ogni cosa. Così il trio “Bija” nasce da questa semplice e primordiale esigenza. Che il trio si discosti dai canoni legati alla comune idea di “gruppo” appare chiaro già dalla sua composizione: tromba, chitarra e batteria forniscono ai Bija tutto il materiale sonoro da cui nascono le loro composizioni. Niente basso dunque, con tutto ciò che questo comporta in termini di scelte narrative ed estetiche, ed una continua ricerca che a partire da suoni e suggestioni conduce il trio alla creazione di ambienti sonori sempre nuovi ed estremamente evocativi. Il risultato è un mood sonoro che si colloca a metà strada fra musica etnica, jazz, afro blues e rock. In aggiunta al trio composto daFrancesco Pellizzari (batteria e percussioni), Gabriele di Franco (chitarre e loop) eMarco Puzzello (tromba e flicorno), nel disco compaiono anche gli ospiti Emanuele Coluccia (sax) e Stefano Luigi Mangia (voce).

La rassegna proseguirà martedì 20 gennario con Sylvie Lewis, musicista folk londinese, e martedì 10 febbraio con gli Opera Chaotique che propongono arias e vibrazioni africane, riff jazz punk, ninne nanne e incubi gotici. Martedì 17 marzoall’Ammirato arriva la trentaduenne tedesca Alin Coen. Martedì 21 aprile ultimo appuntamento con Amarins Moon, la nuova band della cantautrice olandese Amarins Romkema.

Speedy Shop Roma

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here