AMBASCIATORI OPEN DATA

0
572

QUATTRO STUDENTI “AMBASCIATORI OPEN DATA”

Sono stati proclamati dal sindaco Paolo Perrone nel corso di una cerimonia a Palazzo Carafa

Quattro studenti dell’Istituto Deledda di Lecce (Claudio Avantaggiato, Natalia Caloro, Pierandrea Martella e Alessio Zambetta) sono stati proclamati “Ambasciatori Open data”.  

Ambasciatori Open Data

E’ stato il sindaco Paolo Perrone a consegnare loro un certificato ad hoc che simboleggia l’attenzione del Comune verso questi studenti che hanno partecipato con successo al percorso alternanza-lavoro, attivato da tre anni dalla scuola superiore.

I ragazzi erano accompagnati per l’occasione dalla professoressa Addolorata Mazzotta, dirigente scolastica del Deledda, alla quale l’Amministrazione ha voluto dare un “riconoscimento di merito per l’iniziativa Adotta un dato”.

Alla cerimonia erano presenti anche l’assessore all’Innovazione tecnologica, Alessandro Delli Noci e il dirigente del settore Programmazione Strategica del Comune di Lecce, Raffaele Parlangeli.

Nella prima fase che prevede 30 ore di formazione, i ragazzi hanno seguito da vicino i processi e gli eventi Open Data, attivati dall’Amministrazione comunale nell’ambito del progetto Open Data Lecce, in modo da acquisire le competenze necessarie per accedere alla seconda fase, che è più pratica ed è articolata in 60 ore durante le quali gli studenti hanno avuto la possibilità di riprodurre concretamente l’operato di esperti nel campo della progettazione e programmazione dei dataset.

In particolare, gli studenti hanno partecipato al corso di formazione e conoscenza dei dati aperti della Pubblica Amministrazione del sito “OpenData Lecce” e hanno analizzato le informazioni dei relativi dati dataset. In seguito hanno mappato alcune linee pubbliche della Sgm, grazie all’utilizzo dell’applicazione “OSMTracker per AndroidTM”.

Altra tappa nella sala “Co-Working” dell’ufficio “Programmazione Strategica e Comunitaria” del Comune di Lecce, dove  alcuni esperti del settore, tra cui Francesco Piero Paolicelli, Alessandro Tondi e Federico Cortese, hanno “accompagnato” i ragazzi nell’immissione dei dati raccolti durante la mappatura sul sito “OpenStreetMap” per la futura creazione di una mappa on-line interattiva, utilizzabile da chiunque.

In occasione dell’evento “International Open Data Day Lecce”, i quattro studenti portavoce di “Adotta un dato” hanno esposto il progetto alle Officine Cantelmo. A fine aprile tutta la classe del Deledda ha partecipato all’evento “Smart Hackathon- La città accessibiLE”, grazie al quale i partecipanti hanno facilitato l’individuazione di 1.140 barriere architettoniche.

Grande soddisfazione è stata espressa dai ragazzi del Deledda che hanno preso parte al percorso di alternanza scuola-lavoro: “Attraverso questa esperienza abbiamo avuto l’opportunità di migliorare e valorizzare la padronanza della lingua inglese, partecipare allo sviluppo di OpenStreetMap e OpenData grazie alle competenze informatiche acquisite; perfezionare lo spirito di gruppo e le capacità nella gestione del lavoro di gruppo e nella percezione delle esigenze individuali, sviluppare un atteggiamento costruttivo e un ottimo senso di adattamento grazie alla frequentazione di ambienti multiculturali diversi da quelli consueti”.

L’Amministrazione Comunale di Lecce, dunque, continua il percorso di sviluppo e promozione dei processi di innovazione e Open Government, dando vita ad un progetto di sperimentazione di Open Data che ha portato alla realizzazione di un portale completamente gestito da un gruppo di lavoro costituito da funzionari comunali e cittadini volontari che conta a tutt’oggi oltre 170 dataset.

Ma cos’è un dato aperto? Gli Open Data (Dati Aperti) sono dati che possono essere liberamente utilizzati, riutilizzati e ridistribuiti da chiunque, continuando, però, a mantenere la licenza originaria e la fonte.

La loro attivazione presenta indiscutibili vantaggi in quanto essi garantiscono alle pubbliche amministrazioni il rispetto dei principi della trasparenza e dell’efficienza; contribuiscono a far crescere il coinvolgimento e la partecipazione dei cittadini alle attività amministrative;         consentono il riutilizzo dei dati da parte dei soggetti esterni con l’obiettivo di incrementare lo sviluppo economico.

In questo senso si inserisce il progetto “Adotta un dato”, grazie al quale tutte le scuole, ed in particolare gli IsiItituti tecnici e scientifici, potranno adottare o creare e portare avanti il dataset che più è di loro interesse. Ciò comporta un lavoro continuativo, attivo ed intenso da parte dei ragazzi, seguiti dai docenti esperti nel campo. Il progetto consisterà nell’aggiornare il dato periodicamente al fine di conseguire maggiori abilità nel campo informatico ed eventualmente utilizzare questi dati per facilitare la nascita delle start-up e creare nuova occupazione giovanile.

Molteplici gli obiettivi del progetto: promuovere l’uso degli Open Data tra i giovani come strumento di innovazione e sviluppo sociale; coinvolgere anche altri istituti scolastici nella partecipazione al progetto; avvicinare i giovani alla cultura dell’open data e sviluppare il senso civico di comunità; incrementare il numero dei dataset a disposizione della cittadinanza e contribuire così a migliorare il dialogo tra ente locale e cittadini; incentivare la trasparenza sui dati comunali; favorire il coinvolgimento degli studenti in un percorso di cittadinanza attiva.

I benefici per i cittadini sono facilmente immaginabili: aumento della partecipazione attiva dei giovani alla vita pubblica e del senso di appartenenza alla comunità locale; incremento del numero e della qualità dei dataset pubblicati sul portale open data Lecce e, infine, maggiori possibilità per gli sviluppatori di creare nuove app di servizi alla collettività.

Speedy Shop Roma

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here