A spasso ubriachi e senza mascherina, nei guai due leccesi

0
57

Due leccesi sono stati denunciati per ubriachezza molesta, oltraggio a Pubblico Ufficiale e violazione della normativa Covid, uno di loro anche per il reato di porto di oggetto atto ad offendere, un cittadino tunisino è stato inoltre denunciato per ricettazione ed un 35enne leccese per porto di oggetto atto ad offendere.: è il bilancio dei servizi di controllo effettuati nel pomeriggio di ieri dagli agenti della sezione Volanti della Questura.

I controlli sul, posto sono stati avviati a seguito di numerose segnalazioni alla Sala Operativa da parte di cittadini che raccontavano di essere stati importunati da due soggetti sprovvisti di mascherine e con due bottiglie di birra in mano in via Minniti prima e in Piazzetta Congedo. Uno dei due, un leccese 22enne, alla vista della volante, per sottrarsi al controllo ha iniziato a fuggire in direzione Via Sindaco Lupinacci, ma è stato poi fermato ed identificato. Il secondo soggetto, rimasto invece sul posto, è un leccese 23enne. Nel corso della perquisizione personale, eseguita sul primo, dalla tasca anteriore destra del giubbotto è spuntato un coltello a serramanico.

Al termine degli accertamenti, considerato che i due giovani erano palesemente ubriachi e senza i previsti dispositivi di protezione individuale, sono stati sanzionati per ubriachezza molesta, oltraggio a pubblico ufficiale e violazione della normativa Covid.

Il 22enne è stato anche indagato per porto di oggetto atto ad offendere: il coltello infatti, della lunghezza di 28 centimetri e lama della lunghezza di 13 centimetri è stato sequestrato.

Sempre nel pomeriggio di ieri, in Via Otranto, una Volante ha notato la presenza di due giovani stranieri che discutevano animatamente. Uno dei due, un cittadino gambiano sosteneva di aver riconosciuto la sua bicicletta, asportata alcuni giorni prima, in quella utilizzata da un cittadino tunisino 37enne che invece sosteneva di averla regolarmente acquistata. Il cittadino gambiano, tuttavia, dimostrava con delle foto e con la descrizione di alcuni particolari la titolarità del possesso, mentre il tunisino forniva indicazioni generiche e contraddittorie e pertanto veniva indagato per ricettazione.

 

Inoltre, in Via Taranto, una volante ha notato un giovane che, alla vista della polizia, con un movimento rapido, ha occultato un oggetto all’interno della tasca del marsupio. A seguito del controllo, all’interno della tasca anteriore del marsupio del 35enne leccese, è stato trovato un coltello a serramanico del tipo multiuso della lunghezza di 18 centimetri e lama affilata: pertanto è stato indagato per possesso di oggetto atto ad offendere e il coltello è stato sequestrato.

Speedy Shop Roma

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here