Vive le cinéma – Festival di cinema francese

0
71

A Lecce Vive le Cinéma

Si è tenuto l’incontro di presentazione della quarta edizione di Vive le cinéma – Festival di cinema francese promosso dalla Regione Puglia – Assessorato Industria Turistica e Culturale e prodotto da Fondazione Apulia Film Commission – Apulia Cinefestival Network, ideato e diretto da Alessandro ValentiAngelo Laudisa Brizia Minerva.

Nella Biblioteca Nicola Bernardini sono intervenuti Loredana Capone (assessora all’industria Culturale e Turistica della Regione Puglia), Simonetta Dellomonaco (presidente Apulia Film Commission), Carlo Salvemini (sindaco di Lecce), Francesco Ceraolo (Fata Morgana Web e DAMS dell’Università del Salento), Luca Bandirali (studioso di cinema e curatore delle MasterClass), Stefania Mandurino (Rotary Club Lecce Sud), Angelo LaudisaAlessandro ValentiBrizia Minerva (direttori artistici Vive le Cinèma), Paolo Pisanelli (direttore artistico Festa di Cinema del Reale) e gli altri partner coinvolti.

Questa sera, dalle 20:30 la serata inaugurale partirà con “Salento senza tempo live 2019” dei Nidi d’Arac (che poi suoneranno ancora dalle 23:30), la presentazione della giuria e del Festival e con la proiezione dei primi film in concorso: il corto “Les petites mains” di Rémi Allier, il lungometraggio “Amin” di Philippe Faucon e il documentario “Le grand ball” di Leatitia Carton.

In allegato la cartella stampa completa con alcune brevi dichiarazioni
Di seguito invece il comunicato stampa con il programma della seconda giornata del festival (giovedì 11 luglio)

Sino a domenica 14 luglio, nel centro storico di Lecce, prosegue “Vive le Cinéma“. Il Festival di cinema francese, promosso dalla Regione Puglia – Assessorato Industria Turistica e Culturale e prodotto da Fondazione Apulia Film Commission – Apulia Cinefestival Network, ideato e diretto da Alessandro Valenti, Angelo Laudisa e Brizia Minerva, approda alla sua quarta edizione, sempre più ricca e sempre più articolata. Cinque giorni con proiezioni di corti, documentari e lungometraggi, masterclass, incontri, presentazioni di libri, musica, installazioni artistiche, dj set, una summer school.  Scenario principale del festival e delle proiezioni, per il secondo anno, sarà – grazie alla collaborazione con il Polo BilioMuseale di Lecce e il Museo Castromediano – il chiostro della Biblioteca Provinciale “Nicola Bernardini” del Convitto Palmieri.


Giovedì 11 luglio la seconda giornata del festival prenderà il via alle 9 nelle sale del Convitto Palmieri con il primo appuntamento della summer school “La critica cinematografica” a cura della rivista Fata Morgana Web, promossa da Dipartimento di Beni Culturali e Dams dell’Università del Salento, Centro Studi della Fondazione Apulia Film Commission e Vive le Cinéma, con la direzione scientifica di Roberto De Gaetano. Orientata alla formazione di studenti universitari, dottorandi, dottori di ricerca e post-doc, ma anche professionisti di altri ambiti disciplinari, la Summer School prevede nei giorni del festival, tra il Convitto Palmieri e altri luoghi del centro storico, lezioni mattutine, laboratori pomeridiani di scrittura critica, presentazioni di volumi dedicati al cinema e master class. Tra i docenti Emiliano Morreale, Daniele Dottorini, Alessia Cervini, Luca Venzi, Pietro Masciulllo, Bruno Roberti, Francesco Ceraolo, Luca Bandirali mentre i docenti-tutor del workshop saranno Alessandro Canadè, Massimiliano Coviello, Deborah De Rosa, Angela Maiello, Nausica Tucci. Gli studenti della summer school assegneranno anche un premio speciale, “Rotary Club Lecce Sud”, al miglior giovane cineasta del Festival (info sulla summer schoolfatamorganaweb.redazione@gmail.com).

Dalle 18:30 (ingresso libero) per Cinema e libri, in collaborazione con Liberrima – All’Ombra del Barocco, la libreria di Corte dei Cicala ospiterà dalle 18:30 la presentazione del nuovo numero della rivista quadrimestrale Fata Morgana Web (Pellegrini) sul tema “Infanzia”. Dalle 20 prima delle proiezioni dei film in concorso, nel Chiostro della Bernardini, appuntamento con la prima delle masterclass condotte da Luca Bandirali e Bruno Roberti. Si parte con l’attrice e presidente di giuria Alba Rohrwacher, vincitrice, tra gli altri premi, di due David di Donatello, un Nastro d’argento, della Coppa Volpi alla Mostra di Venezia. Dalle 21 al via le proiezioni con il cortometraggio “Sasha” di Till Leprêtre. Sasha si rifiuta di perdere nuovamente suo fratello e scoprirà quanto è pronta ad andare lontano per amore fraterno. A seguire il film “C’est ça l’Amour” di Claire Burger. Mario, dopo essere stato lasciato dalla moglie, si ritrova a gestire due figlie adolescenti: la quattordicenne Frida che lo ritiene responsabile per l’assenza della madre e che prova sentimenti confusi per la sua migliore amica e la diciassettenne Niki che presto andrà via da casa. Mario vede così allontanarsi un po’ alla volta le donne che ama. Dopo il corto “Yasmina” di Claire Cahen e Ali Esmili, che racconta di una quindicenne giovane promessa di una squadra di calcio che, dopo l’arresto  del padre clandestino, dovrà decidere se nascondersi o giocare la partita più importante per il suo futuro, sullo schermo il documentario “Maguy Marin. L’urgence d’agir” di David Mambouch. Da oltre 35 anni, Maguy Marin si è affermata come una coreografa importante ed essenziale sulla scena mondiale. Figlia di immigrati spagnoli, il suo lavoro è un pugno gioioso e furioso di fronte alla barbarie. Nel 1981, il suo flagship show, May B, sconvolse tutto ciò che era pensato per la danza; un’esplosione il cui eco non ha finito di risuonare. Da non perdere, infine, “Spazi aperti della visione” a cura di Lorenzo Madaro e Brizia Minerva. Una rassegna di Video Screening dedicata al dialogo tra il cinema e il pensiero artistico che vedrà la proiezione dei lavori di Luca Coclite, Romina De Novellis e Loredana Longo. Il primo appuntamento è alle 23 negli spazi esterni della Libreria Liberrima con la presentazione degli artisti, la proiezione dei video e una festa con le selezioni musicali di Dubin, Federico Primiceri e Zanca. Ospite speciale della presentazione Daria Khan, fondatrice e curatrice di Mimosa House.

 
Vive le cinéma è finanziato da Regione Puglia – Assessorato Industria Turistica e Culturale – a valere su risorse FSC Puglia 2014-2020 – Patto per la Puglia – e prodotto dalla Fondazione Apulia Film Commission – Apulia Cinefestival Network in collaborazione con Polo BilioMuseale di Lecce e Museo Castromediano in partnership con Provincia di LecceComune di LecceUnifranceDams (Discipline delle arti della musica e dello spettacolo) dell’Università del SalentoFata Morgana Web,Ama – Accademia mediterranea dell’attore Rotary Distretto 2120 Club Lecce Sud.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.